in

Perugina, presidio di rsu e sindacati di fronte ai cancelli dello stabilimento

Stabilimento Perugina

Lavoratori in agitazione dalle 4 alle 10 di sabato. Lunedì partono gli incontri con l’azienda in Confindustria e al Mise

PERUGIA – Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil hanno organizzato un presidio di protesta di fronte ai cancelli della Perugina. I lavoratori si sono dati appuntamento per oggi, dalle 4 alle 10 per «far crescere l’attenzione e dimostrare la determinazione dei lavoratori in vista degli importanti appuntamenti dei prossimi giorni (il 18 settembre in Confindustria a Perugia e il 27 al Mise)», spiegano i sindacati.

Il presidio ha «raccolto la piena solidarietà e l’appoggio di tutti i lavoratori», cui l’azienda aveva chiesto di prestare servizio anche il sabato. Richiesta considerata «inaccettabile» dai sindacati, vista la contemporanea dichiarazione di esuberi (340), e perciò a loro dire in «piena contraddizione» con l’accordo del 2016 (da 60 milioni di euro). Michele Greco, segretario Flai Cgil Umbria, ribadisce che «Rsu, sindacati e lavoratori della Perugina non intendono fare un passo indietro».

Terni, smaltiscono indumenti in modo illecito ma vengono scoperti

Terni, picchia la barista e danneggia il locale: in manette 36enne