in

Al teatro Lyrick un pranzo per omaggiare la compagnia ucraina Circus-Theatre

Appuntamento alle 21.15 con “Alice in Wonderland”

fra.cec.

ASSISI (Perugia) – «Un momento di condivisione perché il teatro non è solo messinscena ma anche umanità» queste le parole che si leggono sulle pagine social del teatro Lyrick di Assisi dove, nel salone che ospitava anni indietro la zona di ristorazione, alle ore 13 di sabato 30 aprile circa ha preso il via un pranzo che ha visto sedere insieme ai tavoli gli acrobati della compagnia ucraina di circo contemporaneo Circus-Theatre – alcuni con famiglia al seguito – lo staff dell’associazione ZonaFranca, il sindaco di Assisi Stefania Proietti e l’assessore alla cultura Veronica Cavallucci, alcuni rappresentanti dell’amministrazione comunale e executive producer Roberto Romaniello.

Un modo per accogliere con calore il cast che alle 20.45 si esibirà sul palco con “Alice in Wonderland”, spettacolo riproposto nuovamente dopo la prima nello scorso mese di febbraio, cui ricavato sarà interamente devoluto alla compagnia, rimasta bloccata in Italia dopo l’invasione russa. Un atto di generosità che mostra ancora una volta il grande cuore della città di Assisi. Un momento fatto di sguardi e timidi sorrisi durante cui l’allegria ha sovrastato per un po’ la tristezza del pensiero di una guerra che pare non aver ancora fine.

Teatro Lyrick Assisi Alice
LO SPETTACOLO

Uno spettacolo per tutta la famiglia ispirato al romanzo fantastico di Lewis Carrol del 1865, con oltre 30 artisti in scena. Un progetto artistico sofisticato ed elegante, capace di raccontare l’onirico intrecciando molteplici discipline: la ginnastica acrobatica, la recitazione, la danza. I personaggi – Alice, il Cappellaio matto, il Coniglio, il Gatto del Cheshire e la Regina nera – appariranno davanti al pubblico nella loro interpretazione circense, sullo sfondo di impressionanti scene 3D.

Teatro Lyrick Assisi Alice

Prevendite su circuito TicketItalia.

Donnarumma fa impazzire il Liberati, è lui il mattatore del derby

Caterina Orazi-Gianfranco-Borri

La perugina Caterina Orazi a vestire i panni di prima dama del rione di Porta Santa Susanna