in ,

Come risparmiare i nostri soldi? Internalizzare i servizi con una squadra di manutenzione

Occorrono uomini a disposizione per la città

Rubinetti a secco. Archivio
di Francesco Petrelli

TERNI – Atto d’indirizzo di Michele Rossi (Terni Civica) per ripristinare una piccola squadra per le manutenzioni del Comune, approvata in commissione. Come in tutte le città si può rompere una maniglia di una porta di una scuola comunale, può perdere un rubinetto, è saltata una vite in un gioco di un parco pubblico o soltanto per una problematica futile in strada da riparare o rimuovere.

Far intervenire una ditta esterna con costi aggiuntivi è deleterio e sconsiderato, puntiamo all’efficienza, al risparmio e soprattutto alla tempestività [https://www.comune.terni.it/news/una-squadra-comunale-le-piccole-manutenzioni]. Nell’epoca delle circoscrizioni tutto funzionava e qualsiasi problematica poteva essere risolta nelle 12 ore, negli anni novanta la squadra era composta da quindici operai mentre oggi è rimasto un solo soggetto all’occorrenza. Altri tempi e sicuramente una realtà diversa e soprattutto migliore. Michele Rossi insiste nella proposta e giustamente la condivido e pubblicamente l’approvo. Non entro nel merito di nessuna nessuna linea politica ma credo che sia necessario per il bene comune snellire le procedure e soprattutto badare alle necessità impellenti e se la linea viene dettata dal Consiglio comunale ogni proposta propositiva va supportata. L’emendamento che chiede di impegnare nella squadra anche i percettori del reddito di cittadinanza idonei al lavoro ne è una conferma.

Serie B, Burrai e Olivieri accendono il sogno playoff del Perugia

cristiano liti (mezule)

Prove ufficiali effettuate: cavalieri pronti per la Corsa all’anello