in ,

“Solo para ti”: la prima volta di Alvaro Soler e Topic

L’inedito duo musicale formato dal cantautore spagnolo-tedesco e il re Mida della musica dance mondiale

Torna in scena Alvaro Soler e lo fa con un nuovo singolo che rimanda all’ascoltatore tutto il sentimento che lo muove quando si cimenta in canzoni d’amore dai sentimenti profondi. È di questi giorni l’uscita di “Solo para ti”, perfetta sintesi del pop romantico che da sempre lo contraddistingue e di un suono più Edm e “danzereccio”, nuova direzione per l’artista.

«La canzone parla della fine di una relazione, quando si sta male ma allo stesso tempo si è consapevoli che è stato meglio così – racconta Soler – Non c’è altra soluzione al dilemma tra mente e cuore se non quella di lottare per seguire la propria strada. È un tema che unisce tutti noi, in quanto tutti abbiamo provato la medesima cosa sulla nostra pelle».
Il nuovo brano, da oggi in tutti gli store digitali, segna anche la prima collaborazione con Topic, uno dei più grandi dj e produttori a livello mondiale e fondatore della “Melancholic Dance Music”.
Nominato ai BRIT e Billboard Awards, premiato ai Los40 Award, il producer tedesco è abituato a suonare sui più grandi palchi a livello mondiale. La sua hit “Breaking Me” del 2019 ha ottenuto oltre 1.9 miliardi di stream a livello globale ed ha raggiunto la prima posizione nella classifica americana dance, venendo certificata tre volte platino in Italia. Anche il singolo “Your Love (9 PM)” è stata una hit mondiale, certificata doppio platino nel nostro Paese.
Soler ha totalizzato oltre 5.3 miliardi di stream ed è andato in testa alle classifiche mondiali anche con il suo ultimo album “Magia”, è giudice nel talent show in Germania “The Voice Kids” e ha doppiato sia in tedesco che in italiano il film d’animazione Disney campione d’incassi, “Encanto”.

Anima bella

Ospite d’eccezione al Politeama Lucioli: Dario Albertini presenta “Anima bella”

Una corona di fiori e la scala italiana in memoria dell'incendio a palazzo Vignola

Una corona di fiori e la scala italiana in memoria dell’incendio a palazzo Vignola