in ,

Piscine dello Stadio: l’uso del pozzo, perché non è mai stata revocata l’ordinanza

Ennesima estate di passione in una piscina fiore all’occhiello della città e sempre al centro di interessi

di Francesco Petrelli

TERNI- Caos alle piscine dello stadio. Comune, concessionario e sub concessionario, provare a riaprire per non perdere la stagione estiva, nonostante lo stato pre concessione e la questione dell’utilizzo del pozzo. Il pozzo in teoria, era vietato dal 2016 con una specifica ordinanza di palazzo Spada. In settimana audizione per riepilogare e dare ulteriori delucidazioni rispetto ai fatti riguardanti l’impianto sportivo e a tutti i problemi mai risolti.  Da Piero Giorgini a Paolo Grigioni, più il direttore del dipartimento di prevenzione della Usl Umbria 2 Danilo Serva e la collega Maria Laura Proietti del servizio di igiene e sanità pubblica. 

Pasculli (M5S) è laconico: «Viene ora alla luce una grave vicenda che riguarda le piscine dello stadio. Qualcuno sarebbe stato a conoscenza da anni che l’Usl Umbria2 aveva scoperto che le piscine venivano riempite con l’acqua del pozzo adiacente, che è vietato per legge a meno che non si abbia il certificato di potabilità. Un esposto è tutt’ora in essere. Chi sapeva e non ha detto e soprattutto non ha fatto nulla all’interno dell’amministrazione ha commesso un atto gravissimo, lo stesso vale per la giunta. Chiediamo dimissioni immediate per chi antepone la politica alla salute dei cittadini, chi si comporta in questo modo non merita di stare in quella posizione». La denuncia da parte del M5S è gravissima dopo una situazione al limite che sta vivendo una struttura nata sotto un altro auspicio, sicuramente è giusto dare spazio alla controreplica e la redazione di Umbria7 l’aspetta. Le Piscine dello Stadio non possono riaprire in vacatio per il periodo estivo e tornare nell’oblio di ordite dinamiche e distruttive diatribe per responsabilità altrui. Chi usufruisce dei servizi dopo il rischio inquinamento, dopo un credito ancora in essere non potrebbe più accettare un servizio temporaneo o a termine. Le piscine dello Stadio come sempre vivranno un’altra estate di passione.

Il Perugia perde la A, caduta a Brescia all’ultimo respiro

Verso le elezioni/Narni, Cecilia Cari: «Il coraggio di cambiare è donna»