in

Pa social day: a Perugia un focus sui progetti innovativi per gli enti pubblici

Obiettivo è raccogliere la sfida del Pnrr per innovare i servizi al cittadino

PERUGIA – Quinta edizione per l’evento firmato Pa social alla Scuola umbra di amministrazione pubblica Villa Umbra che quest’anno ha coinvolto in tutto diciannove città, ognuna con il suo evento in presenza, in una lunga staffetta in diretta sui social dell’associazione dedicata ai temi del digitale, dai social, alle chat, fino all’intelligenza artificiale. A Perugia il panel di esperti si è incentrato sulle questioni relative e i progetti innovativi per gli enti pubblici, gli enti di formazione e le imprese sul digitale grazie alle risorse straordinarie del Pnrr.

Marco Magarini Montenero, amministratore unico della Scuola Villa Umbra, ha aperto i lavori esprimendo soddisfazione per la collaborazione fra la Scuola e Pa social e in particolare con il suo coordinamento umbro, diretto da Simona Cortona, Laura Marozzi, Simona Panzolini.
Il primo relatore, il professor Donato Limone, docente di diritto e scienza dell’amministrazione digitale, esperto di transizione digitale dei processi organizzativi, ha affrontato la questione dei nuovi modelli organizzativi necessari nella PA al fine di realizzare una completa transizione verso sistemi e servizi digitali.

Pa social alla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica

A seguire Michele Fioroni, coordinatore della Commissione innovazione e digitale della Conferenza delle Regioni e assessore allo sviluppo economico della Regione Umbria, ha riflettuto sul nuovo paradigma della Data economy, evidenziando come essa rappresenti una sfida per realizzare città connesse, enti e interfacce innovative in un ambiente dove non esista una linea di demarcazione netta tra pubblico e privato.
Dalla sala multimediale della scuola, il direttore della testata giornalistica Scuola umbra tv, Giorgio Pezza, ha coordinato il panel collegato in diretta nazionale costituito da: Gabriele Giottoli, assessore allo Sviluppo economico – Perugia ultradigitale – turismo del Comune di Perugia, che ha introdotto il tema della Smart city sottolineando l’impegno del Comune di Perugia e i numerosi progetti in tale direzione.
Ad approfondire il tema dei progetti che coinvolgeranno la città è stata Irene Provvidenza, business developer di TeamDev, che ha illustrato la piattaforma WiseTown e le tecnologie Fiware che offriranno alla comunità perugina una serie di servizi integrati. Paolo Cavoretti, responsabile Enti locali della società partecipata Puntozero, ha, successivamente, fatto il punto sullo stato di digitalizzazione degli enti locali e sulle prospettive offerte dal cloud nell’erogazione dei servizi. L’evento è tornato in presenza dalla sala Autonomie per l’ultimo panel che ha coinvolto il professor Stefano Bistarelli del dipartimento di Matematica e informatica dell’Università degli studi di Perugia che ha spiegato le opportunità che l’intelligenza artificiale offre nell’erogazione di servizi automatizzati sempre più abili nel comprendere e soddisfare le esigenze degli utenti.

Pa social alla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica

L’intervento conclusivo è stato affidato a Fabrizio Minelli, marketing manager di Connesi spa, che ha illustrato l’esperienza della digitalizzazione nelle scuole umbre, le difficoltà nella formazione del personale scolastico ma anche le opportunità che queste tecnologie offrono.
Il PA social day è realizzato grazie alle partnership con L’Eco della stampa, Binario F, Hootsuite, Reelevate, Alpenite, Centro studi Enti locali, Open comunicazione e ai media partner agenzia Dire, Igers Italia, iPressLive, cittadiniditwitter.it, datamagazine.it, ilgiornaledellaprotezionecivile.it, Innovazione 2020, Velocità media, Digital media.

Arena locandina

Quattro decenni storici di musica, tra aneddoti e racconti, in “Arena ’60 ‘70 ’80 e…‘ 90”

Sanità, parte la rivoluzione di giugno, a iniziare dai direttori. Patto di ferro Tesei-Oliviero. Le aperture di Speranza su Irccs, Serafico e Zooprofilattico