in ,

Perugia celebra i carabinieri: la festa per i 208 anni dell’Arma

Tutti i numeri delle attività dei militari

PERUGIA – Si è tenuta lunedì anche a Perugia, ai Giardini del Frontone, la cerimonia del 208° anno di fondazione dell’Arma dei carabinieri. All’evento hanno preso parte le autorità civili, religiose e militari dell’Umbria e gli alunni dell’Istituto comprensivo Perugia 3.

Nel luogo della cerimonia sono stati allestiti alcuni stand allo scopo di illustrare le attività dell’Arma dei carabinieri in specifici settori, in particolare:
uno dedicato alle indagini scientifiche con la presenza di attrezzature per i rilievi dattiloscopici, kit per le analisi degli stupefacenti, robot antisabotaggio in dotazione agli artificieri dell’Arma;
uno curato dal Nucleo tutela patrimonio culturale con esposti una serie di reperti artistici, archeologici quali vasi e monete di origine dauna, un’urna cineraria etrusca , quadri falsi e oggetti provento di furti all’interno di luoghi sacri;
uno allestito dal reparto biodiversità di Assisi con la presenza di specie di animali protette salvati e curati dai militari forestali;
uno predisposto dal Cites dei carabinieri forestali con reperti quali avorio, pellami e pellicce di animali protetti confiscati presso le dogane, materiale didattico illustrativo inerente il ciclo vitale della flora e della fauna in particolare delle specie in via d’estinzione.

La mattinata, come ricorda una nota del Comando provinciale, si è aperta con la deposizione di una corona d’alloro al monumento ai caduti dell’Arma dei carabinieri, all’interno della caserma Giuseppe Garibaldi, da parte del comandante della Legione carabinieri Umbria e del presidente dell’Associazione nazionale carabinieri Umbria, che hanno reso omaggio ai caduti.
Il comandante della Legione carabinieri Umbria, generale di brigata Antonio Bandiera, ha passato in rassegna lo schieramento, costituito da carabinieri in grande uniforme storica, da una rappresentanza dei comandanti di Stazione dell’Umbria, da militari dei reparti speciali (nucleo anti-sofisticazioni, nucleo tutela patrimonio culturale, nucleo operativo ecologico, raggruppamento operativo speciale, nucleo ispettorato del lavoro, aliquote pronto intervento anti-terrorismo) e dai carabinieri forestali. È stata data lettura del messaggio augurale del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e dell’ordine del giorno del comandante generale dell’Arma dei carabinieri, generale di corpo d’armata Teo Luzi cui è seguito l’intervento del comandante della Legione carabinieri Umbria. Il comandante ha aperto il suo discorso ricordando i militari umbri caduti e proseguito illustrando l’attività dell’arma sul territorio umbro.

Sotto il profilo dell’attività operativa l’Arma in Umbria procede per il 74% del totale dei delitti commessi nella regione, in particolare: attività di repressione del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti che ha visto protagonisti i reparti territoriali delle province di Perugia e Terni, ha consentito di assicurare alla giustizia numerosi trafficanti e spacciatori. Nei primi 5 mesi dell’anno in corso, per reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti, sono state tratte in arresto 45 persone ed altre 53 sono state denunciate, complessivamente sono stati sequestrati 260 chilogrammi di sostanze stupefacenti. Sono state rafforzate le misure adottate in favore delle fasce più deboli della popolazione;
attività di controllo al trasporto di rifiuti su strada attraverso squadre composte da militari della territoriale e della forestale con lo scopo primario di tutelare il territorio umbro. I notevoli risultati conseguiti da tale innovativa progettualità hanno indotto ad estendere il “modello umbria” su scala nazionale. un tangibile esempio di efficienza operativa della nostra istituzione nel ruolo -sempre più significativo- di polizia ambientale: in tale contesto il signor comandante generale dell’arma ha tributato tre giorni fa il “premio ambiente”, appena istituito, al comandante dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Assisi, il mar. magg. Angelo Vecchio; controllo ai cantieri edili, attraverso carabinieri della territoriale, del Nil e la collaborazione degli ispettorati territoriali del lavoro, al fine di aumentare la prevenzione di incidenti sul lavoro e reprimere condotte illecite; attività inerenti all’indebita percezione del reddito di cittadinanza; attività inerenti ai controlli nella vendita di fitofarmaci e precursori di esplosivi.
Il comandante ha continuato illustrando le attività dell’Arma nel ruolo di polizia ambientale:
l’attività investigativa dei reparti forestali è stata particolarmente intensa in relazione agli incendi boschivi che si sono sviluppati nel mese di marzo 2022, a seguito della forte siccità invernale. Sono stati individuati i responsabili di 2 dei 3 maggiori incendi accaduti nel territorio umbro;
l’inquinamento legato all’attività dell’uomo è uno dei settori dove è maggiore il controllo della componente forestale, in particolare lo sversamento di sostanze pericolose nei fiumi;
i controlli sui corsi dei fiumi hanno riguardato una specifica campagna mirata a prevenire il dissesto idrogeologico, per ridurre i potenziali pericoli derivanti da frane, alluvioni e smottamenti e tutelare il territorio da abusivismi urbanistico-edilizi; il nucleo Cites di Perugia, impegnato nei controlli sul commercio internazionale di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione e nel contrasto del traffico di specie tutelate sull’intero territorio nazionale, ha prestato particolare attenzione al commercio illegale di legnami pregiati da paesi asiatici; il reparto biodiversità di Assisi specializzato in formazione ambientale, ha promosso un progetto di educazione che ha interessato oltre 60 istituti scolastici umbri chiamato “Un albero per il futuro” che prevede la donazione e messa a dimora nelle scuole di numerose specie vegetali autoctone.
È stato dato un cenno alle nuove capacità operative dell’Arma in Umbria: sul lago Trasimeno a Castiglione del lago è operativa da circa un anno una motovedetta classe 200, alla quale spettano, prioritariamente, i compiti di prevenzione e repressione delle violazioni in materia di navigazione, nautica da diporto, pesca ed inquinamento; da pochi giorni è in dotazione nelle città di Perugia, Terni ed Assisi il taser, la pistola ad impulsi elettrici. Di recente è stato siglato l’accordo con la Camera di commercio dell’Umbria, un accordo istituzionale per la tutela della legalità nel sistema economico locale che consente all’arma di usufruire della banca dati sistema di indagine regional explorer (Rex).
l’intervento si è concluso con il ringraziamento a tutte le istituzioni per la fattiva collaborazione.
un sentito ringraziamento è stato rivolto tutti i carabinieri che operano in Umbria e ai componenti dell’organismo di rappresentanza. Un saluto e l’augurio di buon lavoro è stato indirizzato alle associazioni professionali a carattere sindacale tra militari di recente istituzione.
La cerimonia è proseguita con la consegna, da parte delle autorità presenti, delle ricompense ai militari che si sono distinti nell’esercizio delle proprie funzioni.

Lavori dell'Anas

Auto in panne in mezzo alla strada finisce travolta da un tir: muore a 65 anni

Novamont, via alla cassa integrazione dal primo luglio