in

Convivio e solidarietà: a Magione la raccolta fondi di Coldiretti e Ant

Tra gli obiettivi, anche quello di sensibilizzare le persone alla cultura della prevenzione attraverso una sana e corretta alimentazione

MAGIONE (Perugia) – “Convivio all’insegna della solidarietà” il titolo della cena di beneficienza a base di prodotti agricoli di qualità locali, promossa da Coldiretti Donne impresa Perugia e Fondazione Ant all’agriturismo La casa di campagna di Magione, con l’obiettivo di raccogliere fondi per le attività gratuite di assistenza medico-specialistica a casa dei malati di tumore e di prevenzione oncologica. Presenti all’evento i vertici della Coldiretti regionale e provinciale, di Coldiretti Donne impresa e Ant Umbria e la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei.

«Un’iniziativa importante – ha affermato Giampaolo Farchioni presidente Coldiretti Perugia – per ribadire la vicinanza del mondo agricolo alle attività della Fondazione in favore di quanti stanno soffrendo. Tra l’altro, proprio la sana e corretta alimentazione rappresenta un alleato indispensabile per la nostra salute, con il buon cibo capace di generare un circuito virtuoso utile alla collettività, sotto molteplici aspetti. I produttori agricoli di Coldiretti sono da sempre in prima linea nel trasmettere ai cittadini-consumatori, come una dieta corretta e ricca di principi nutritivi genuini come quella mediterranea, possa contribuire ad un calo dell’incidenza sia delle malattie tumorali che di altre patologie. Un appuntamento utile a confermare quindi – spiega Farchioni – come benessere e prevenzione inizino dalle nostre tavole, e che, grazie anche alle eccellenze degli agricoltori umbri sapientemente cucinate per l’occasione, ha saputo valorizzare il binomio salute/alimentazione».
«Le imprenditrici e tutto il mondo agricolo, ancora una volta – ha sottolineato Francesca Rogari, responsabile Coldiretti Donne impresa Perugia – hanno dimostrato di saper legare la tradizione dei cibi del territorio, al benessere e alla solidarietà, in linea con quella crescente sensibilità verso un modello di consumo che, garantendo freschezza e qualità e riducendo le distanze che devono percorrere gli alimenti, ha effetti positivi anche sul piano salutistico e ambientale. E proprio il ruolo e la presenza delle imprenditrici agricole sta dimostrandosi fondamentale nelle nuove sfide dell’agricoltura italiana e umbra, per l’educazione alimentare e ambientale specie verso le giovani generazioni, ma anche per il loro protagonismo nell’agricoltura multifunzionale, in campo sociale, negli agriturismi e nella vendita diretta».
L’iniziativa umbra rientrava nell’ambito dell’accordo nazionale di collaborazione tra Coldiretti e la Fondazione Ant Italia onlus, che si propone, tra gli obiettivi, di sensibilizzare le persone alla cultura della prevenzione attraverso una sana e corretta alimentazione e di promuovere iniziative di solidarietà.

Frontale tra moto e furgone: muore un poliziotto

Irrigazione cami tabacco_Umbria_2 agosto 2022_2

«Il Tevere rischia il disastro ecologico»: l’allarme di Legambiente Perugia