in ,

Malore mentre pota e resta attaccato all’albero: anziano salvato da un poliziotto

La storia a Perugia

PERUGIA – Poliziotti sempre. Anche fuori dal servizio. Come l’assistente capo Riccardo Ribigini che, riposta la divisa da poliziotto, e indossati gli abiti civili, è stato comunque protagonista di un intervento decisivo per la vita di un uomo. In questo caso il suo vicino di casa.

La notizia è stata segnalata dal segretario provinciale del Siulp Massimo Pici che racconta: «Un vicino di casa del nostro collega Ribigini, nonostante l’età matura e il gran caldo, ha deciso di procedere con dei lavori su di un albero del suo giardino, appoggiando una scala sui rami che doveva segare perchè poco stabili, il tutto ad una altezza di 9/10 metri da terra. Finito il lavoro, l’uomo si è tolto l’imbracatura mentre stava scendendo a terra ma, colto da un malore improvviso, è rimasto attaccato al ramo. A questo punto, poco dopo i familiari si sono resi conto del pericolo che stava correndo l’uomo ed hanno iniziato ad urlare, richiamando l’attenzione del nostro collega che, prontamente, è salito sull’albero dove, in attesa dei soccorsi, ha trattenuto l’uomo in maniera da evitare di farlo precipitare rovinosamente».
Ovvio che l’intervento di salvataggio poteva mettere a rischio entrambi e di farsi molto male. «Sono stati dei minuti terribili – aggiunge nella descrizione Pici – e soprattutto interminabili . Il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha evitato che la situazione da seria potesse diventare drammatica, cosi come il pronto intervento dell’assistente capo Ribigini».

Guardia di finanza, il capitano Elisa Renzi è il nuovo comandante della compagnia di Spoleto

Montecastrilli: niente discoteca per sei mesi a tre giovani