in ,

Perugia, Fontivegge, il degrado e la battaglia di residenti e forze dell’ordine

UMBRIA 7 NEI QUARTIERI | Tutte le difficoltà della stazione che chiede solo di rinascere. LE FOTO

di Massimiliano Pezzella

PERUGIA – Il grido dei residenti di Fontivegge non smette di cessare. Si fanno di giorno in giorno più numerose le segnalazioni di chi vive il quartiere. Sia nelle ore diurne che notturne da via del Macello a via Mario Angeloni è stato documentato un crescente grado di degrado che intacca non solo le strade e gli edifici ma anche il ponte nelle immediate vicinanze della stazione di Perugia.

La mobilitazione è partita questa volta dai social network. Molti utenti nonché frequentatori e residenti del quartiere si sono lamentati delle stato di abbandono in cui versano alcuni punti di riferimento chiave del quartiere come il viadotto di via Mario Angeloni. Le scalette di piazza del Bacio ospitano bivacchi per numerose persone che sono pronte a scrutare ogni singola autovettura che si presenti come nuova nei paraggi. L’edificio sede dell’Inps risulta imbrattato da murales e nei pressi di via Cortonese sono stati sporcati alcuni cartelloni pubblicitari con scritte offensive. È stato segnalato prontamente lo stato di effettivo abbandono e degrado del sopracitato sovrappasso di via Mario Angeloni. Le condizioni dei gradini sono deteriorate rendendo quasi impossibile il passaggio. Tutto il ponte inoltre versa in uno stato di massima decadenza a partire dalla pavimentazione al ferro arrugginito della struttura.
È stata documentata la fatiscenza di alcuni edifici che si affacciano sulla strada per raggiungere la stazione dei treni. Molti cittadini si vergognano dello stato degradato del quartiere tanto da farlo presente pubblicamente, nonostante comunque la soddisfazione per le recenti soluzioni sollecitate da chi vive in zona e trovate dal Comune e dalle forze dell’ordine per ripristinare la vivibilità dell’area.
Bella senza dubbio la facciata storica della stazione Fontivegge e la fontana. Tuttavia già considerando piazza Vittorio Veneto non si può far a meno di notare un transitare di persone che appare spesso preoccupante. In molti si domandano se la riqualificazione del quartiere sia veramente avvenuta.

Via Campo di Marte e Via Luigi Canali si presentano agli attenti osservatori in stato di pesante trascuratezza con scritte sui muri e problematiche legate alla circolazione dei mezzi con relativo intasamento legato al traffico di autoveicoli. Per quanto concerne la cronaca l’intera zona è protagonista di eventi che attirano facilmente l’attenzione delle autorità. Tristemente nota per spaccio, prostituzione, aggressioni e consumo di alcol a cielo aperto. Come si apprende dagli ultimi comunicati stampa, le forze dell’ordine hanno messo da tempo in campo strategie per contrastare il proliferare della criminalità nella zona. Ma i problemi, purtroppo, restano tanti.
Come detto le lamentele sono partite da cittadini comuni che frequentano il quartiere e che giornalmente protestano per la difficile condizione che sono costretti a vivere a due passi dal centro storico di Perugia. I motori social sono diventati una potente arma di segnalazione per questi avvenimenti nefasti che denunciano una vivibilità portata ai minimi termini. La riqualificazione di piazza del Bacio avvenuta grazie alla costruzione di uno skate park sembra aver ridato speranza per un futuro miglioramento della situazione. D’altro canto gli individui che transitano per le strade di Fontivegge sono molto spesso protagonisti di liti aggressioni e grida, come quelle che hanno avuto per protagonisti alcuni cittadini sudamericani, appena indagati.
Non sono mancati, però, nel tempo copiosi interventi della polizia come dei carabinieri, anche se in alcune ore del giorno i residenti lamentano la mancanza di controlli. Ciò che necessiterebbe l’area di Fontivegge e della stazione, sentendo i residenti, sarebbe un presidio di polizia funzionante che possa agire anche nelle ore diurne e quelle del tardo pomeriggio.

Bosso Tango Concept

Il tango di Piazzolla e Bosso per il prossimo appuntamento con il Festival Federico Cesi

Santa Chiara Concelebrazione

Ad Assisi due giorni di celebrazioni per Santa Chiara e il patrono San Rufino