in

Freccette, con il Memorial Orazio Bosia Ripa ricorda il suo caro “Panio”

L’evento a Perugia

PERUGIA – Si è appena conclusa la gara a coppie tra veterani già associati a Opendart e novizi che si sono voluti accostare al gioco delle freccette. All’interno del suggestivo scenario del Castello di Ripa è stata organizzata una serata che ha previsto una cena prima della competizione ( il menù rigorosamente basato su prodotti locali quali cacciagione, torta al testo e buon vino) per un’idea nata con lo scopo di creare un’atmosfera conviviale e scherzosa tra tutti i partecipanti di cui molti si sono aggregati la sera stessa.

Il Memorial è stato intitolato a “Orazio Bosia”, detto Panio, personaggio noto e benvoluto da tutti gli abitanti di Ripa e che è venuto a mancare alcuni anni fa; era un grande appassionato di giochi tradizionali e di socializzazione in generale e per questo motivo i figli, Fabio e Roberto, per ricordarlo , hanno contribuito all’organizzazione della serata che si è dimostrata una vera e propria avventura a scopo propedeutico, ma è stata anche una opportunità per fare avvicinare il pubblico giovanile allo sport della gara delle freccette. Hanno gareggiato 20 coppie ( quaranta partecipanti). Al momento conviviale, assieme agli iscritti alla gara delle freccette sono intervenuti oltre 60 commensali. Oltre ai soliti frequentatori del circolo ricreativo del Castello di Ripa, luogo dove si è svolta la competizione, numerosi sono stati i curiosi che sono arrivati solo per assistere alle fasi della gara.
Dopo le varie manche a vincere è stata la coppia Talita Biagetti e Roberto Bosia, al secondo posto Carlo Augusto Polpetti e Andrea Moscatelli, terzi Diego Giusepponi e Benjamin Rembrij.
Un plauso speciale è stato rivolto dal responsabile del circolo Andrea Moscatelli all’artista italo-francese Pascal Millucci (che da anni vive nel Castello di Ripa) che ha donato un’originale opera d’arte come premio e contestualmente sono state ringraziate anche le attività commerciali e i privati che hanno voluto contribuire all’iniziativa fornendo targhe e coppe per le premiazioni.

In Umbria nasce una task force contro i bocconi avvelenati: «Fenomeno grave e diffuso»

Morto mentre pulisce i vetri di un palazzo: chi era Roberto Raspati