in

«Siamo preparati ad un match difficile». Block Devils pronti per accogliere Civitanova

Fischio di inizio a Perugia alle 18

foto di Michele Benda
R.P.

PERUGIA – Allenamenti ripresi per la Sir Safety Susa Perugia, rientrata dalla trasferta di Berlino e già in work in progress in vista del match di domenica 12 marzo a Pian di Massiano contro la Cucine Lube Civitanova.

«Sappiamo che la Lube è una squadra molto forte ed è molto importante per noi giocare bene queste partite perché ci aiuta mentalmente a diventare più forti – commenta lo schiacciatore Oleh Plotnytskyi – Per loro è un match importante, lo è anche per noi perché è l’ultimo prima dei playoff. Dobbiamo pensare a crescere come squadra per cui dobbiamo scendere in campo concentrati, dare il massimo e prepararci perché sarà una partita dura. È un po’ che non ci affrontiamo – l’ultima volta nella finale di Supercoppa a Cagliari dello scorso 1 novembre – loro sono cresciuti tanto da quella volta e sono tutt’altra squadra, ma anche noi siamo cresciuti parecchio. Come sempre in questo tipo di partite la battuta e la correlazione muro-difesa saranno determinanti, chi sarà migliore in queste situazioni di gioco vincerà. Siamo preparati ad un match difficile, abbiamo la fortuna di giocarlo in casa e con i nostri tifosi abbiamo tanta energia ed un’arma in più».

Match sempre avvincente tra due protagoniste della pallavolo italiana con la Cucine Lube che, quarta in classifica, cerca punti per migliorare la propria posizione nella griglia playoff e con la Sir Safety Susa che, già certa da tempo della testa di serie numero uno nella post season, scende in campo per cercare un record finora mai raggiunto da quando, era la stagione 1998-1999, si gioca con la regola dei tre punti a vittoria piena e della divisione della posta in caso di tie break perché nessuno ha mai chiuso la stagione regolare senza sconfitte.

Le “capoliste” migliori nelle ultime venticinque stagioni sono state Treviso nel 1998-1999 e Trento nel 2010-2011 che hanno chiuso entrambe con una sola sconfitta, mentre prima del 1998 con la regola dei due punti a vittoria bisogna arrivare alla stagione 1980-1981 (la RobediKappa Torino che terminò il campionato con 22 vittorie su 22 partite) per trovare una squadra capace di chiudere la regular season senza sconfitte.

Non è però assolutamente interessato ai record, ma molto concentrato sul presente e sul prossimo futuro il martello ucraino: «Al record non ci penso e non mi interessa particolarmente, mi interessa invece il risultato e crescere come squadra prima dei playoff che sappiamo tutti essere un altro campionato. E questo è più importante dei record».

Antonio Misiani_foto dalla pagina Facebook Antonio Misiani

A Perugia la visita del senatore Antonio Misiani

PORTALE-PERUGINO-2023

Tutti pazzi per il Perugino: così il Divin Pittore ammalia il web