in ,

In fiamme mobili e materassi per liberare la casa da ristrutturare: denunciato

Le indagini sono partite dall’intervento per un rogo in un terreno privato di Cascia

CASCIA (Perugia) – Invece di portare in discarica mobili, sedie e materassi, li avrebbe bruciati. Un modo più rapido per sgomberare la casa e dare corso agli interventi di ricostruzione post terremoto.

Lo ipotizzano i carabinieri forestali che hano denunciato un uomo di Cascia, ritenuto responsabile di aver bruciato illegalmente rifiuti non pericolosi. Le indagini erano partite quando, dopo la segnalazione di un incendio all’interno di un terreno privato, vigili del fuoco e carabinieri avevano constatato che nel cumulo di cenere che avevano trovato al loro arrivo sul posto, c’erano componenti di arredamento semi ditrutti dalle fiamme.

I successivi accertamenti hanno portato all’individuazione e alla denuncia del presunto responsabile, che avrebbe deciso di dare alle fiamme quanto rimaneva in casa per poter dar corso, secondo quanto ipotizzato dai militari, agli interventi post sisma. Un comportamento che, temono i carabinieri forestali, potrebbe essere ripetuto anche in altre circostanze vista l’imminente partenza di cantieri per la ricostruzione leggera. Per questo i carabinieri ricordano che «nel caso vi sia la necessità di rimuovere i contenuti delle abitazioni interessate da danni lievi, oltre all’autorizzazione per accedere agli edifici, è necessario avvalersi di ditte autorizzate che possano portare i rifiuti urbani pressi i centri di raccolta comunali».

A Città di Castello esperti di ambiente da tutta Europa per Dialogues

“Le voci della maglia” in scena ad Avigliano Umbro