in , , ,

Operazione “cambio di passo” in sanità, il 2 maggio summit decisivo. Si cambiano 4 direttori su 5. E si ridisegnano i primariati negli ospedali

SPOTLIGHT di MARCO BRUNACCI | Tesei pronta all’ultimo colpo di reni. Per il dg della Regione sempre l’ipotesi di una donna, ma sui nomi comunque c’è ancora grande discussione. Invece è partito il confronto con l’Università per definire le nuove apicalità. Più complicato l’iter del Piano sociosanitario

Medici in corsia
di Marco Brunacci

PERUGIA – Operazione “cambio di passo” in sanità, ultime notizie. Il 2 maggio tutti pronti per il countdown. Summit di maggioranza per varare il riassetto. Dicono: 4 cambi su 5 direttori. E stavolta potrebbe essere vero. I nomi? Diciamo che ci sono le certezze di nuovi direttori generali all’ospedale di Perugia e a quello di Terni. Ovviamente anche alla Asl1 del dimissionario Gentili. Volete che possa restare lo stesso direttore in Regione?

Insomma: solo De Fino al suo posto, mentre si perfezionano un paio di trasferimenti dentro lo schema (aiuterà le sistemazioni anche la direzione del sociale, che potrebbe andare – ipotesi giornalistiche – all’attuale dg di Terni, Chiarelli).
Resta la patata bollente della direzione regionale, dove comunque è attesa una donna – così si dice, col nome della Guasticchi già circolato a più riprese.
Ma è importante che entra nel vivo il ridisegno delle apicalità (i primariati, per intendersi) negli ospedali umbri, con la presidente Tesei e il rettore Oliviero già in campo. Ci saranno molte novità ed è giustificata l’agitazione che c’è al momento nelle varie corsie.
Se il 2 maggio la maggioranza in Regione esce senza strappi dal confronto, si passa alla fase dell’incontro con l’Università. Si parlerà di piano sociosanitario (con il rettore che continua a mediare con i suoi docenti universitari di Medicina, tutti discretamente critici sulle bozze di Piano finora circolate) e anche di Irccs. Su questo secondo punto i tempi, si sa, non sono brevi. Epperò è tra i punti cardine dell’intesa con i partiti che reggono la Giunta.
Dalla presidente Tesei si attende un colpo di reni in tempi brevi. Ricambio profondo è il mantra. Tutto fa pensare che lei non si tirerà indietro, anche se è altrettanto certo che sui nomi ci saranno distinguo e freddezze.

Fiocco rosa, neonato

«Discriminatorio il solo cognome del padre». Cassazione rivoluzionaria: ci vuole anche quello della mamma

ternana calcio

Ztl aperta e strade chiuse nei pressi dello stadio per il derby Ternana – Perugia