in ,

Gabriella Guasticchi si sfila dalla partita delle nomine in sanità, resta da definire Terni

Il suo nome era stato fatto per la direzione regionale. Ora il quadro – secondo alcune ipotesi giornalistiche – potrebbe essere più chiaro. Con l’incognita dell’ospedale ternano

M.BRUN.

PERUGIA – Nomine della sanità, ogni tanto rullano i tam tam. L’ultimo dice che si sarebbe sfilata dalla partita per le nomine dei direttori generali in Umbria, con una sua comunicazione, Gabriella Guasticchi.

Il nome della Guasticchi, sorella dell’ex presidente della Provincia di Perugia, Marco Vinicio, era stato fatto, come ipotesi giornalistica, in relazione alla direzione regionale (il posto attualmente ricoperto da Braganti) ma poi sarebbe arrivato l’intendimento della Guasticchi di non essere della partita.
Gabriella Guasticchi è stata per anni la responsabile della Direzione regionale della sanità del Lazio. Il suo sfilarsi forse permette di chiarire ulteriormente il quadro delle prossime nomine (le prime sono attese in concomitanza con l’uscita di Gentili – Asl 1 – per dimissioni il primo di giugno.
Se fossero confermate le ipotesi giornalistiche, la giunta regionale potrebbe aver scelto di orientarsi sullo spostamento di Braganti alla Asl 1, sulla conferma di De Filippis (molto ben visto dalla Università) alla Azienda ospedaliero-universitaria di Perugia, e Massimo D’Angelo, da commissario all’emergenza Covid di successo a direttore generale in Regione.
Resterebbe da definire, in un secondo momento, il direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria di Terni (essendo data per scontata la conferma di De Fino alla Asl1). Così almeno dando per corrette le ipotesi circolate negli ultimi giorni.

Salute e prevenzione: la Regione punta sui giovani

Largo Cairoli: a Terni impazza la sosta selvaggia