in ,

Sangue e donazioni: in Umbria ecco la carica dei mille “eroi di tutti i giorni”

Perugia per tre giorni diventa capitale dell’Avis

PERUGIA – A distanza di oltre trent’anni, Perugia torna a ospitare l’assemblea generale di Avis nazionale. Rinviata per due anni per via della pandemia, l’88esima assise dell’Associazione volontari italiani del sangue si svolgerà nel capoluogo umbro, al Best Western Hotel Quattrotorri, da venerdì 20 a domenica 22 maggio. Sarà il primo grande evento di Avis in presenza dal 2020 a oggi e in città giungeranno, quindi, oltre 1.100 delegati e accompagnatori, in rappresentanza di circa 1,3 milioni di soci e 3.300 sedi in tutta Italia.

Il programma della tre giorni, durante la quale sono anche previste numerose iniziative collaterali, è stato presentato martedì 17 maggio nel salone d’onore di palazzo Donini. All’incontro sono intervenuti il presidente nazionale di Avis Gianpietro Briola, in collegamento web, il presidente di Avis Regionale Umbria Enrico Marconi e il vicepresidente Fabrizio Rasimelli. Erano presenti, inoltre, Donatella Tesei, presidente della Regione Umbria, Stefania Proietti, presidente della Provincia di Perugia e sindaco di Assisi, Andrea Romizi, sindaco di Perugia, Moreno Landrini, vicepresidente vicario di Anci Umbria, Maurizio Oliviero, magnifico rettore dell’Università degli studi di Perugia, e Mauro Marchesi, direttore del Servizio immunotrasfusionale dell’Azienda ospedaliera di Perugia.
«Poter ospitare questo evento – ha commentato Marconi – è sicuramente un riconoscimento per il lavoro svolto sul territorio. Un orgoglio quindi, ma anche uno stimolo a far meglio e un’assunzione di maggiore responsabilità verso i malati che necessitano di sangue e verso la sanità umbra che conta sul nostro apporto. In Umbria abbiamo circa sessanta Avis comunali e riusciamo a garantire circa il 93 per cento del sangue raccolto nella regione». «Il messaggio di Avis è fondamentale per la nostra sanità, per metterle a disposizione sangue e plasma che salva vite – ha confermato Tesei –. La consapevolezza dell’importanza di Avis è molto radicata nella regione: ci sono tanti donatori e una ramificazione di sedi sul territorio molto forte. La Regione dà il suo contributo ad Avis anche con campagne di comunicazione che invitano i cittadini a donare». «Tanti perugini – ha detto il sindaco Romizi – si riconoscono in Avis e ne condividono lo spirito. Questa propensione di Perugia al dono è stata anche recentemente riconosciuta in un documento che ci vede come la nona città in Italia nell’indice delle donazioni. Ottenere questa assemblea era un obiettivo che abbiamo perseguito fortemente, ma che ci siamo anche guadagnati sul campo. Questo ci spinge però a fare meglio». «Gli associati di Avis sono gli ‘eroi di tutti i giorni’ – ha dichiarato Proietti – pronti a donare al prossimo quanto di più prezioso possiedono. La generosità dei tanti volontari coinvolge in modo virale e spinge a sfide positive di grande valore e significato, anche nel mondo dei giovani».
Tanti i temi che saranno affrontati nel corso dei lavori assembleari. Sarà l’occasione per stilare un bilancio delle attività effettuate nel corso dell’ultimo anno e per delineare le sfide che attendono l’associazione nel prossimo futuro. Particolare attenzione sarà dedicata all’autosufficienza di plasmaderivati, un obiettivo che l’Italia deve ancora raggiungere. L’assemblea si aprirà venerdì 20 maggio alle 14 con i saluti delle autorità e proseguirà anche per tutta la giornata di sabato e la mattina di domenica tra dibattiti, incontri e conferenze.
Ricco anche il programma degli eventi collaterali. Si comincia già da giovedì 19 con una visita a Cascia e Norcia dove l’associazione porterà la sua solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma. Nel pomeriggio ci sarà poi ad Assisi l’evento ‘Orizzonte Avis. Voci e note per un futuro solidale’, nella sala del Consiglio di Palazzo dei Priori, alle 17.30.
Venerdì 20, alle 20.30, l’Aula magna del Rettorato dell’ateneo perugino ospiterà la conferenza ‘Cambia-Menti. Dialogo intergenerazionale e interpretazione del concetto di cambiamento’. Sabato 21, a partire dalle 19, nel centro storico di Perugia ci sarà spazio per ‘Avis sotto le stelle. Una serata all’insegna dell’arte e dei sapori per ritrovarsi e ripartire’, un evento tra piazza IV Novembre, piazza Italia e giardini Carducci con numerosi stand di prodotti enogastronomici e a cui parteciperanno tanti artisti. Si esibiranno cinque band giovanili e un rapper, il quartetto delle Kinkie’s, il cantautore Paolo Vallesi e l’imitatore e cantante Antonio Mezzancella. La scalinata che conduce alla Sala dei Notari farà da cornice a una sfilata di moda. Sarà allestita una mostra di quadri realizzata in collaborazione con la Casa degli artisti di Perugia. Ospite della serata, infine, l’ambasciatore del sorriso Andrea Caschetto.

Manutenzione della rete idrica, diversi lavori in città

Il Comune incontra i cittadini: «Idee nuove per far rifiorire piazza Tacito»