in

Sergej Krylov, Daniele Giorgi e l’orchestra Leonore a chiudere la stagione degli Amici della musica

Il concerto al Morlacchi di Perugia

PERUGIA – Il violinista di fama internazionale Sergej Krylov e l’Orchestra Leonore, diretta dal compositore e violinista Daniele Giorgi, per l’appuntamento conclusivo con la stagione musicale degli Amici della musica di Perugia promossa dalla Fondazione Perugia musica classica onlus. In programma al teatro Francesco Morlacchi venerdì 20 maggio alle 20.30 il “Concerto per violino e orchestra in re maggiore op. 35” di Pëtr Il’ič Čajkovskij e altri pezzi di rara bellezza come la Kaledonische Suite op. 54 di Hans Gál e la Sinfonia n. 3 in la minore op. 56 di Felix Mendelssohn.

Bambino prodigio, Sergej Krylov si esibisce per la prima volta all’età di sei anni, debuttando a dieci con l’Orchestra della Scuola centrale di musica di Mosca con il Concerto in la minore di Johann Sebastian Bach. Raggiunge la fama dopo il suo perfezionamento, guidato dal maestro Salvatore Accardo all’Accademia Stauffer di Cremona, e negli anni consolida un’importante carriera internazionale che lo porta a esibirsi – tra gli altri contesti prestigiosi – al Teatro alla Scala di Milano, al Teatro Colón con l’Orchestra Filarmonica di Buenos Aires e al Barbican Centre di Londra con l’English Chamber Orchestra.

Sergej Krylov

Fondata nel 2014 da Daniele Giorgi, l’Orchestra Leonore è un ensemble di profilo internazionale basato a Pistoia, formato da musicisti scelti tra le più importanti orchestre europee e tra i migliori ensemble cameristici.

PREMIO ROSCINI-PADALINO

C’è tempo fino al 15 giugno per iscriversi alle selezioni della 19esima edizione del premio Roscini-Padalino promosso dagli Amici della Musica di Perugia. Le borse di studio in palio – riservate a non più di tre candidati e con un premio massimo di 15 mila euro – sono destinate a strumentisti italiani che abbiano conseguito un diploma, biennale o triennale, in qualunque strumento presso un Istituto superiore di studi musicali italiano, dal 2019 in poi, e saranno finalizzate all’effettuazione di corsi di specializzazione e/o di perfezionamento da seguire in prestigiosi organismi nazionali o internazionali.
Nato grazie a Leandro Roscini, un funzionario di banca perugino innamorato della musica, che decise di donare una cospicua somma di denaro da destinare a giovani musicisti scegliendo, come strumento operativo, gli Amici della Musica di Perugia, e arricchito dal generoso contributo testamentario di Giancarlo Padalino, anche quest’anno il premio si presenta così come una straordinaria opportunità, di perfezionamento e inserimento nel mondo del lavoro, per le giovani generazioni di artisti.

gran tour perugia

Gran Tour Perugia compie un anno e propone un weekend di cultura

Istituto Salvatorelli Moneta Marsciano

Iperconnessione e benessere psicofisico in una conferenza al Moneta di Marsciano