in ,

Strisce e segnaletica, un nuovo capitolato con solventi di qualità

Dopo pochi mesi, alcune strisce sono già meno visibili

di Francesco Petrelli

TERNI- Le strisce pedonali e tutta la segnaletica nel nuovo accordo quadro per il triennio 2021-2023 dovrebbero durare più tempo. La manutenzione della segnaletica stradale riguarda tutto il territorio del Comune di Terni. Nel capitolato speciale d’appalto all’art. 28 sono elencate le caratteristiche dei materiali e metodi di posa in opera della segnaletica orizzontale e verticale.

La vernice deve essere costituita da un legante pigmentato premiscelato con perline di vetro: il pigmento biossido di titanio (Ral.n.9016 per il bianco). La pittura deve essere omogenea e ben dispersa, esente da grumi e da pellicole. Tale aspetto deve restare immutato anche dopo sei mesi di immagazzinamento alla temperatura di 20° centigradi. Tollerata una leggera sedimentazione sul fondo del contenitore che può, in ogni caso, potersi facilmente reincorporare al veicolo mediante rimescolamento a mezzo di spatola.

Domenica sono state rifatte le strisce pedonali e la segnaletica in viale della stazione ma già da ieri l’aspetto non è impeccabile. Nell’altra immagine si vedono alcune strisce di via Battisti appena dipinte un anno e mezzo fa. Per altri esempi basta farsi un giro per l’intero territorio comunale. In passato forse i materiali erano più resistenti agli agenti atmosferici, ai veicoli e alle temperature, la manutenzione ordinaria era più efficace, i servizi erano internalizzati e i fondi a disposizione erano superiori, tutto vero ma per la sicurezza di tutti non è accettabile vedere le strisce già in questo modo dopo alcuni giorni.

Ritrovato il 24enne disperso nel bosco di San Bartolo

carabinieri San Giustino

Violenza ai danni della compagna: arrestato un 38enne