in ,

A Perugia si alza il tricolore per la 76sima Festa della Repubblica

Molto sentito il momento della consegna delle medaglie d’oro. Tutti i nomi dei premiati | LE FOTO

PERUGIA – Giardini del Frontone di Perugia gremiti di cittadini giovedì 2 giugno in occasione della 76esima Festa della Repubblica. Presenti alla cerimonia numerosi rappresentanti delle autorità civili, religiose e militari, della regione Umbria, del coro di voci bianche e coro giovanile del conservatorio di musica Francesco Morlacchi, il coro dell’Università degli Studi di Perugia, il Prefetto di Perugia, la presidente della Provincia di Perugia e il vicesindaco del Comune di Perugia, che ha sostituito il sindaco Romizi, invitato dal presidente della Repubblica ad aprire la parata a Roma.

Gianluca Tuteri ha salutato tutti i presenti e ricordato che proprio la location ospitante è stata restaurata grazie ai cittadini-mecenati intervenuti attraverso Art bonus, il Fai, mentre l’area verde, più recentemente, è stata anch’essa, riqualificata in collaborazione con un imprenditore locale.

Festa della Repubblica nella città di Perugia 2022

La cerimonia è proseguita con la consegna delle medaglie d’oro alla memoria di Agostinelli Zefferino, Sabatino Aldo e Sollazzo Francesco, le onorificenze di ufficiale dell’ordine al merito della Repubblica Italiana, le onorificenze di Cavaliere dell’ordine al merito della Repubblica e ad alcune personalità della sanità umbra, della polizia di Stato, dell’Arma dei carabinieri, della guardia di finanza e dei vigili del fuoco che si sono distinti nel gestire le emergenze e il supporto alla popolazione durante la pandemia.

Festa della Repubblica nella città di Perugia 2022
Festa della Repubblica nella città di Perugia 2022

Il prossimo 2 giugno, a partire dalle ore 10.00, avrà luogo presso i Giardini del Frontone la cerimonia di celebrazione del 76° anniversario della Fondazione della Repubblica, organizzata dalla Prefettura di Perugia in collaborazione con il Comune capoluogo, la Provincia, la Regione Umbria ed il Comando Militare Esercito Umbria.
Un picchetto interforze renderà onore ai Gonfaloni della Regione Umbria, della Provincia e della Città di Perugia, nonché al Prefetto in qualità di Rappresentante del Governo.
Alla cerimonia dell’Alzabandiera, accompagnata dall’esecuzione dell’Inno di Mameli, seguirà l’Inno Europeo. Il contesto musicale verrà curato dal coro di voci bianche e dal coro giovanile del Conservatorio di Musica “Francesco Morlacchi” insieme al coro dell’Università degli Studi di Perugia.

Oltre alle 3 medaglie d’onore consegnate ai deportati destinata ai cittadini italiani militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e 77 onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana conferite con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri. Ecco tutti i nomi:

IL MESSAGGIO DELLA PRESIDENTE DONATELLA TESEI

«Oggi la nostra Repubblica compie 76 anni. Un cammino in cui il Paese ha attraversato fasi complesse, ma ha anche dimostrato sempre la capacità di rialzarsi, di guardare al domani con razionale fiducia, di rimboccarsi le maniche e costruire mattone dopo mattone il futuro». Lo afferma, nella ricorrenza del 2 Giugno, la Presidente della Regione Umbria che oggi ha partecipato alla cerimonia che si è svolta a Roma, ai Fori imperiali.

«Proprio negli ultimi anni – ricorda la Presidente – siamo stati chiamati a gestire una delle pagine più difficili della storia della Repubblica, e oggi dobbiamo essere pronti a affrontare nuove cruciali sfide, come ad esempio quella del Pnrr che permetterà di ridisegnare il nostro Paese in maniera più funzionale e moderna. Un progetto ambizioso, che vede anche l’Umbria protagonista, e che – sottolinea – da un lato dovrà fare da volano per l’economia, in una declinazione sempre più sostenibile, e dall’altro ridisegnerà il volto della nostra regione e dell’Italia tutta, a partire dalle infrastrutture materiali e immateriali, dalla mobilità, dalla sanità e ricerca, sino ad arrivare alla cultura, all’inclusione e alla coesione sociale».
«Il tutto tenendo ben presenti le nostre radici – prosegue la Presidente – e basandoci sui nostri valori più alti. In questi 76 anni, infatti, l’Italia ha difeso e portato in seno i valori legati alla democrazia e alla pace, vere virtù di cui oggi più che mai comprendiamo l’importanza e di cui la nostra Umbria è stata sempre capofila». «Auguro – conclude la Presidente della Regione – a tutte le istituzioni coinvolte ogni giorno nella gestione del bene comune, a tutti i cittadini, vero motore dell’Italia, ai giovani, che dovranno affrontare il domani consapevoli e rispettosi della nostra storia, una buona Festa della Repubblica».

castelluccio norcia piangrande

La Fioritura di Castelluccio di Norcia: quando e come

Festa della Repubblica: la fotogallery delle premiazioni e delle celebrazioni a Terni