in ,

È Elisabetta Masciarri la nuova segretaria della Fillea Cgil Umbria

Unanimità dei consensi per la neoeletta

ASSISI (Perugia) – Due figli, una laurea in Economia e commercio, originaria di San Giustino, è Elisabetta Masciarri la nuova guida della Fillea Cgil dell’Umbria, il sindacato delle lavoratrici e dei lavoratori dell’edilizia, delle costruzioni, del legno e dei lapidei.

La Masciarri, che ha alle spalle un’importante esperienza pregressa nel sindacato, in funzione pubblica, nei settori artigiani e dal 2014 nella segreteria della Fillea Cgil di Perugia, è stata eletta mercoledì 22 giugno durante l’assemblea generale del sindacato che si è tenuta a Palazzo di Assisi, alla presenza del segretario regionale della Cgil dell’Umbria Andrea Farinelli e del segretario generale della Fillea Cgil nazionale Alessandro Genovesi. All’elezione hanno preso parte 48 dei 60 aventi diritto e la Masciarri ha ottenuto l’unanimità dei consensi. La nuova segretaria subentra ad Augusto Paolucci, che ha guidato la categoria negli ultimi 6 anni, e al quale è andata la riconoscenza di tutta l’assemblea per il lavoro svolto.
«Voglio ringraziare sentitamente l’assemblea per la grande fiducia che viene riposta in me – ha detto Masciarri – La nostra è una regione connotata da altissimi livelli di precarietà che colpisce in particolare donne e giovani. L’Ires Cgil Umbria ci ricorda che l’86,9% delle nuove assunzioni avviene con contratti precari, dato che dimostra la scarsa qualificazione del lavoro. Un sistema, quello umbro, caratterizzato da una produttività debole, ed è proprio su questa debolezza che dobbiamo agire. Da questo punto di vista le infrastrutture materiali e immateriali possono essere un volano di espansione».
Per la neoeletta ad esempio è fondamentale agganciare l’alta velocità, elemento in grado di aumentare il pil regionale del 10%: «Un valore economico ma soprattutto sociale che può farci uscire dall’isolamento».

elezione Elisabetta Masciarri

Gli adeguamenti infrastrutturali per la nostra regione andrebbero discussi però in un’ottica di scelte di politica economica generale, di sostenibilità ambientale e di sostenibilità sociale: «Io sono convinta che le scelte politiche devono partire dalla domanda, cioè dai bisogni delle persone e su quelli va costruito un modello di società. Va prima di tutto rilanciata la vertenza per la tutela della salute e della sicurezza in tutti i settori, come i drammatici fatti di questi giorni dimostrano ancora una volta, in particolare per la corretta applicazione dei protocolli di sicurezza in tutti i luoghi di lavoro, valorizzando il ruolo degli Rls e degli Rlst».
Infine, Masciarri ha ricordato gli importanti appuntamenti che attendono la Fillea Cgil nei prossimi mesi come le elezioni per il rinnovo delle Rsu alla Isa di Bastia e alla Colacem di Gubbio, oltre al rinnovo di molti contratti integrativi a partire da quello del settore edile: «In una regione così piccola – ha concluso – abbiamo bisogno di qualificare il settore edile e la bilateralità».

Norcia

Appuntamento a Sant’Anatolia di Narco e Norcia con il festival “Correnti del Nera”

Palazzo Cesaroni

Case popolari, in 300 avranno una nuova abitazione