in

A Gubbio la terra rossa è tutta per l’Itf World Tour

Tra gli arrivi anche Gonzalo Bueno e Gabriel Dobru

GUBBIO (Perugia) – Pronto a prendere il via l’Itf World Tour – Torneo internazionale di tennis maschile Città di Gubbio – Memorial Francesco Ledda al circolo tennis Gubbio dal 17 al 24 luglio.

Prima competizione in cui vengono dispensati (oltre che il montepremi da 15mila dollari) i punti Atp con i quali si stabilisce la classifica mondiale dei giocatori, negli anni passati la tera rossa eugubina ha visto la presenza di tennisti quali Federico Coria e Tomas Martin Etcheverry, Benjamin Bonzì, Stefano Travaglia (oggi tutti sono entrati nella top 100 Atp). Degno di nota il fatto che, nella prima edizione del torneo nel 2016, abbia partecipato anche Matteo Berrettini, oggi 10 Atp, che causa infortunio limitò la sua presenza a un paio di giorni di allenamento.
Quest’anno circa 950 le richieste di iscrizione pervenute da atleti provenienti da tutto il mondo, che saranno poi scremate in funzione della classifica Atp. 64 i giocatori che rimarranno: i primi 32 entreranno a far parte del tabellone principale, mentre gli altri 32 affronteranno le qualificazioni. Tra i nomi, anche Gonzalo Bueno, peruviano numero 6 del mondo junior e il francese Gabriel Dobru, giovane vincitore 2022 del Roland Garros Junior.

locandina TORNEO INTERNAZIONALE DI TENNIS MASCHILE gubbio 2022

Non solo sport, ma anche divertimento. Nelle settimane del torneo non mancheranno gli eventi serali per intrattenere gli atleti, ma anche i numerosi soci che si riversano al Ct per assistere alle partite e per godersi un ambiente confortevole e dinamico. Il Circolo Tennis Gubbio è pronto ad una nuova stagione e a cogliere questa rinnovata sfida, per garantire alla Città e ai suoi visitatori, una manifestazione sportiva di alto livello, senza dimenticare la socialità e il divertimento. Ingresso sempre libero.

Gerardo Dottori e l’aeropittura in Umbria

A Sigillo per ammirare l’aeropittura umbra di Gerardo Dottori

Caserma Gonzaga Foligno

I Primi d’Italia e l’omaggio alla Caserma Gonzaga