in

Nient’altro che la verità: così Michela Giraud si racconta a Terni

In scena un monologo dal ritmo serratissimo

Fra.Cec.

TERNI – Una versione completamente nuova per lo spettacolo “La verità, nient’altro che la verità. Lo giuro…” di Michela Giraud, scritto insieme all’autore Marco Vicari e prodotto e distribuito da Vivo concerti, che arriva sul palco dell’Anfiteatro romano di Terni domenica 31 luglio alle 21.30, nell’ambito del cartellone di eventi estivi targato Baravai.

Dopo il successo del suo show su Netflix, primo original di una donna italiana, distribuito in 190 paesi nel mondo, la Giraud torna sul palco con un monologo dal ritmo serratissimo, che spiazza attraversando con disinvoltura i temi più trasversali, senza mai tralasciare le relazioni familiari, sempre complesse, ma al tempo stesso anche grandi spunti comici e di riflessione.
Dalla parodia di Bridgerton, che nell’immaginario dell’artista diventerà “Romarton”, alla stretta attualità legata al recente conflitto russo – ucraino. Sullo sfondo, il sempre delicato tema della disabilità e della comprensione e accettazione sociale di essa, a cui la comica ha sempre dedicato uno spazio speciale con sempre grande attenzione e cura.
Ancora una volta, quindi, Michela Giraud si fa megafono di una generazione, facendo a pezzi etichette e convenzioni senza mai tralasciare, in ogni caso, quanto siano importanti forza di volontà e indulgenza verso se stess*.
Il tour proseguirà poi il 4 agosto a Terrasini – Le Luminarie Arti in Festival, domenica 7 agosto a Verbania – Arena del Maggiore, sabato 10 settembre a Servigliano – piazza Roma. Prevendite sul sito Vivo concerti.

cover-una ragazza

Alla Rocca del Leone le note della dirompente Malika Ayane: «Non vedo l’ora di tornare in Umbria»

«Liberiamo la piazza», poi si vedrà