in

Rifiuti, bollette troppo alte? Ecco il Comune che mette i soldi per alleggerire il peso sulle famiglie

La decisione

SPELLO (Perugia) – Tari troppo alta? A Spello il Comune di Spello mette a disposizione 132.614 euro per ridurre le bollette 2022 a favore sia delle utenze domestiche che di quelle non domestiche: il consiglio comunale nella seduta di ieri pomeriggio ha deliberato di destinare tale importo, consistente negli avanzi vincolati dei fondi emergenziali erogati nel biennio 2020-2021, alla riduzione del tributo per l’anno 2022.

Ciò – come spiega una nota dell’amministrazione – in seguito alla conversione in legge del DL Aiuti che consente ai comuni la facoltà di disporre di queste risorse per le diminuzioni della TARI con l’obiettivo di contenere la crescita dei costi dei servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani in corrispondenza dell’aumento degli oneri di gestione derivanti dalle attuali criticità del mercato dell’energia e delle materie prime. «Si tratta di una decisione particolarmente importante che sottolinea ancora una volta la vicinanza dell’Amministrazione ai problemi quotidiani dei cittadini in questo grande momento di difficoltà dovuto anche all’aumento delle bollette – commenta il vice sindaco con delega al bilancio e tributi –; l’Ente è stato particolarmente virtuoso nel riuscire a destinare tutto il considerevole importo disponibile, consistente in 132.614 mila, per abbattere sostanzialmente l’incremento della Tassa sui Rifiuti 2022 rispetto a quello dell’anno 2021 sia per le utenze domestiche che per quelle non domestiche». Le riduzioni saranno applicate d’ufficio per tutte le categorie di utenze. Restano confermate, e pertanto in aggiunta alle precedenti, le riduzioni della Tari per l’anno 2022 a favore di titolari delle utenze domestiche che versano in condizioni di disagio sociale ed economico disciplinate dall’art. 19 bis del Regolamento per la disciplina della tassa sui rifiuti approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 17 del 30 maggio 2022; si ricorda che per poter beneficiare di tali riduzioni l’apposita domanda dovrà essere presentata entro il 5 agosto 2022.

Lavoro (foto di archivio)

L’ombra della cassa integrazione dietro alla crisi energetica: si rischia un autunno bollente

Palazzo Spada trova l’equilibrio