in

Ingresso di Acea in Asm: «Closing stimato entro la fine di gennaio»

La sede legale rimane in città. Entrata del nuovo partner con una quota di partecipazione intorno al 48%

M.F.

TERNI – Senza problematiche nell’iter, il closing per l’ingresso di Acea in Asm è fissato per gennaio 2023, con la sede legale che comunque rimarrà a Terni. A darne notizia stamattina, nella conferenza stampa in Bct, il presidente del Cda di Asm Mirko Menecali. Insieme a Leonardo Latini, sindaco di Terni (assente Orlando Masselli, assessore comunale alle Partecipate) Menecali ha fatto il punto della situazione sulla nascita della nuova partnership industriale, che vedrà l’entrata nella municipalizzata di un soggetto privato. Dopo il via libera in Consiglio comunale, ora c’è un massimo di sessanta giorni per il parere da parte della Corte dei conti e dell’Agcm (l’Autorità garante della concorrenza e del maercato) con il closing dunque fissato a oggi, salvo evoluzioni del caso, verso il primo mese del nuovo anno. Come da offerta economica approvata, Acea entrerà fino a detenere una quota di partecipazione stimata intorno al 48%.

«Indispensabile aver trovato un soggetto – ha affermato il sindaco Latini – che renderà l’azienda più forte e stabile sia dal punto di vista economico che industriale. Operazione che lascia un segno indelebile ma che apre una nuova fase per Asm, per Terni e per la regione Umbria. Non avremo più una società a pieno controllo pubblico ma è una scelta di campo necessaria, perché il patrimonio pubblico va cercato anche attraverso un partner privato». Asm, tra i multiservizi, non perderà la gestione dell’illuminazione pubblica.

«I benefici verranno da quello che è il potenziamento che continuerà ad agire sul territorio – ha spiegato Menecali – anche con la ricaduta occupazionale. Grazie a questa ricapitalizzazione avrà una ricaduta positiva anche per gli utenti. le nostre politiche di sostenibilità non cambiano e il nuovo socio le ha abbracciate, per cui da questo punto di vista i cittadini non hanno nulla da temere».

A Piediluco parco pubblico senza sicurezza

Trasimeno, la Lega riparte dai territori: «Stabilire contatto forte con gli elettori»