in ,

Tommaso Montanari alla Parigi-Dakar: «Un sogno che si avvera»

Il campione ternano di enduro parteciperà alla prossima edizione: «Riconoscimento per tutti i sacrifici fatti fino adesso»

TERNI – Dopo aver sgasato in lungo e in largo nei campionato di enduro e motorally, ora per Tommaso Montanari si sono aperte le porte per la sfida più importante: la Parigi-Dakar. Dopo Danilo Petrucci, una delle manifestazioni di motociclismo più famose al mondo (in programma dal 31 dicembre al 15 gennaio) vedrà in sella un altro centauro ternano. Montanari gareggerà nella categoria Rally 2 con la Husqvarna 450 replica del tema Husqvarna Solarys, coronando un sogno inseguito per anni: «È un sogno che si avvera. Quando l’ho saputo ho esultato, prendendo la notizia come un riconoscimento ai tanti sacrifici fatti fino adesso».

Con il pettorale numero 124, Montanari continua così la tradizione di famiglia, visto che anche il padre partecipò alla Dakar quarant’anni fa: «Adesso è impossibile svolgerla come ai tempi di mio padre. Si deve preparare tutto nel minimo dettaglio perché la concorrenza è agguerrita. Comunque sia ho visto che la città ha risposto bene alla notizia, e sono molto felice di questo». Per Montanari sarà la prima volta: «L’obiettivo sarà fare il meglio possibile cercando di portare a termine la gara. Con Danilo ho parlato molto. Mi ha consigliato di partire con calma, cercando di far passare i primi giorni senza farmi prendere dalla foga, perché la gara è lunga e faticosa. Per me sarà la sfida più importante della mia carriera, e sapere che ci sono solo cinque italiani tra tutti i concorrenti mi rende ancora più orgoglioso del risultato raggiunto. Per un motociclista di questo settore andare alla Dakar è un po’ come per un calciatore giocare la finale di Champions League. Vedo questa sfida come un punto di arrivo per gli sforzi compiuti in passato, ma di partenza per altri impegni futuri».

Terni celebra Gian Lupo Osti a dieci anni dalla morte

Terni: nuovo giardino per la basilica di San Valentino