in , ,

Tesei: «Dopo Narni-Amelia via col nuovo ospedale a Terni». E mette sul piatto 116,5 milioni subito

SPOTLIGHT di MARCO BRUNACCI | Il primo sito è ormai in fase di appalto da parte di Inail e la Regione accelera sul nuovo ospedale ternano, con più soldi (ne servono meno di 300 in tutto) e un piano procedurale e finanziario dettagliato

di Marco Brunacci

PERUGIA – A prima vista può essere scambiato per un pio desiderio. In realtà stavolta è il primo atto concreto per arrivare nei tempi più rapidi possibili alla realizzazione del nuovo ospedale di Terni.

Tempi che non possono essere considerati brevi, come impone l’importanza dell’opera e la vastità dell’impegno, ma da questa delibera (riportiamo qui sotto la nota ufficiale) in poi si mettono alcuni punti fermi:

1.La presidente Tesei mette nel programma della Regione, in maniera definitiva, la realizzazione del nuovo ospedale

2.Dice inoltre che vuole che si realizzi nei tempi e nei modi più rapidi possibili (anche se ancora si deve chiarire la scelta tra il project financing che parte in vantaggio e il tutto pubblico)

3.Mette Terni nella scia dell’ospedale di Narni-Amelia che ha preso le mosse e ora si farà, sapendo che è fondamentale per un sito concepito come quello unico di Narni-Amelia avere accanto un riferimento di eccellenza, come deve essere Terni.

4.Ci sono infine 106 milioni e spicci messi da parte per tutto questo (e sono da stasera stanziati, sia chiaro). E non è poco davvero, tenendo presente che per il nuovo ospedale di Terni potrebbero bastarne meno di 300 in tutto (e altri ci sono già).

Ecco comunque il testo della delibera è sicuramente di svolta, perchè prevede un piano procedurale e finanziario molto articolato.
Per Terni, insomma, adesso si fa proprio sul serio.

ECCO IL TESTO DELLA NOTA DELLA REGIONE

La Giunta Regionale in una delibera odierna, nel ribadire il ruolo strategico che il nuovo ospedale Santa Maria di Terni ha nell’ambito della rete sanitaria, ha effettuato, sulla base del quadro esigenziale fornito dall’Azienda Ospedaliera di Terni, una ricognizione delle risorse a disposizione attualmente della Regione da destinare alla realizzazione della struttura, ed ha dato mandato agli uffici competenti di redigere il documento di fattibilità delle alternative progettuali in cui si evidenzino, con particolare attenzione, anche i relativi cronoprogramma attuativi, al fine di portare a compimento l’opera, la cui stima dei costi complessiva è presuntivamente di 280 milioni di euro.

Dalla ricognizione effettuata è emerso che l’Ente regionale è in grado di riprogrammare circa 116,5 milioni di euro da destinare a tale scopo. La Giunta nell’atto programmatorio approvato oggi, confermando di avere già avviato interlocuzioni e richieste formali al Ministero della Salute finalizzate al reperimento di aggiuntive risorse, dispone che gli uffici competenti valutino, per la parte residua che ad oggi ammonta a circa 163,5 mln di euro, tutte le ipotesi a cominciare dalle eventuali modalità di ulteriori partecipazione della Regione stessa al finanziamento nonché del ricorso alle risorse INAIL, destinate all’edilizia sanitaria, per l’intero ammontare dei costi. Inoltre, la Giunta rimane aperta all’eventuale ricorso a forme di partenariato pubblico-privato. “Il nuovo ospedale di Terni – ha affermato la Presidente Donatella Tesei – ricopre un ruolo strategico nell’ambito della rete ospedaliera regionale e per i territori limitrofi, e la sua realizzazione è per noi una priorità. Dopo aver fatto una puntuale ricognizione di quelle che sono le risorse a disposizione dell’Ente, valutiamo tutte le ipotesi: l’utilizzo di ulteriori risorse proprie, il ricorso ai fondi Inail per l’intero ammontare dei costi, nonché un eventuale project financing. A tal fine è stato dato mandato agli uffici di redigere, in tempi stringenti, il documento di fattibilità delle alternative progettuali. Il nostro scopo – ha concluso – è quello di avere prima possibile una struttura moderna e funzionale che possa servire l’ampio bacino regione e non, e si integri con le altre strutture esistenti e di futura realizzazione come ad esempio l’ospedale di Narni Amelia ormai in fase di avvio”.

Sboccia il Natale di Terni

Chi fa da sé fa per otto: Bandecchi non sostituisce Nichinonni