in ,

Ancora tre appuntamenti a Perugia con “La cura di chi cura”

Full immersion emotiva con Simonetta Regni e Benedetta Lolli

PERUGIA – Quattro gli incontri per “La cura di chi cura” promossi in occasione della 21esima Giornata del sollievo – ogni anno ultima domenica di maggio – da Hospice di Perugia in collaborazione con l’associazione Gli amici di Simone e rivolti al personale sanitario dedicato alle cure palliative.

«La nostra è sempre stata una struttura aperta – commenta Susanna Perazzini, responsabile dell’Hospice La casa nel parco, centro residenziale di cure palliative di Perugia – ma per due anni abbiamo dovuto limitare gli accessi a causa del covid 19 ed è proprio per questo che abbiamo pensato che quest’anno avremmo dovuto dedicare un po’ di sollievo anche a chi cura. Si tratta di una full immersion emotiva suddivisa in quattro incontri, che durano ciascuno dalle ore 9 alle 17, e che coinvolge una psichiatra, la dottoressa Simonetta Regni, ed una psicologa, la dottoressa Benedetta Lolli». I corsi si svolgono a Villa Taticchi a Ponte Pattoli di Perugia, sono cominciati martedì 24 maggio e proseguiranno il 31 maggio, il 14 e 21 giugno.

 Incontro_giornata_sollievo 2022

Negli ultimi due anni l’attività degli operatori si è modificata a causa della pandemia: «Normalmente – spiega ancora la Perazzini – registravamo più di 200 ricoveri l’anno ma con l’arrivo del covid 19 i numeri sono diminuiti mentre sono aumentati quelli dell’assistenza domiciliare sul territorio».
I servizi di cure palliative aziendali, coordinati dal dottor Riccardo Rossetti, vengono infatti garantiti a livello sia residenziale sia territoriale. Nel 2021 i pazienti curati all’Hospice di Perugia sono stati 144 per un totale di 2.096 giornate di degenza e per un tasso di utilizzo della struttura pari al 57,42 per cento, mentre nel 2019 erano stati 2.810 e nel 2020 2.467.
«Sempre nel 2021 – precisa Rossetti – abbiamo fornito cure palliative a domicilio a 1.146 pazienti di cui 383 residenti nel distretto del Perugino, 158 nell’assisano, 118 nella Media Valle del Tevere, 122 nel Trasimeno, 180 nell’Alto Tevere e 185 nell’Alto Chiascio».
L’Hospice di Perugia è situato al parco Santa Margherita (ex padiglione “Zurli”) ed è parte integrante della rete di assistenza territoriale dell’Usl Umbria 1. È un servizio pubblico gratuito che ospita i pazienti che necessitano di un’assistenza intensiva non erogabile al domicilio. Accoglie persone affette da patologie cronico-evolutive-degenerative, oncologiche e non, prevalentemente in fase avanzata, ma anche pazienti in terapia simultanea che necessitano di terapia di supporto. Offre inoltre accoglienza, sostegno e calore umano alla rete familiare e amicale che ruota intorno al malato.

Sulle orme della famiglia Pulfna tra Città della Pieve e Chiusi

Sulle orme della famiglia Pulfna tra Città della Pieve e Chiusi

Braccio da Montone nel pensiero repubblicano di Sismondi: se ne parla a Perugia