in ,

L’aeroporto festeggia il primo volo per Londra Heathrow e il record passeggeri di maggio

La British inizia la sua avventura umbra solennizzata dai tanti sorrisi della presidente Tesei e dal rinfresco dello chef giramondo Brugalossi

PERUGIA – Una piccola e sobria (come i tempi suggeriscono) cerimonia per annunciare l’evento: e’ partito il primo volo British Airways dall’aeroporto San Francesco dell’Umbria destinazione Londra Heathrow, lo scalo più importante della capitale britannica.

L’importanza di questo volo lo ha spiegato più di ogni altro, davanti a una presidente della Regione, Tesei, raggiante, Claudio Brugalossi, chef giramondo de La Taverna, che ha curato il rinfresco per solennizzare l’evento: «Così si apre Perugia al mercato turistico inglese ed americano e si aprono agli umbri gli Stati Uniti e il Regno Unito con nuove, grandi opportunità, come sa bene chi, come me, da 40 anni ha rapporti con queste aree», ha spiegato al microfono di Pasquale Punzi (sua anche la foto di copertina).
Il volo di British apre a un mercato diverso da quello di Ryanair. Il prezzo del biglietto e’ più alto, ma chi vuol recarsi a Londra deve anche sapere che c’è un risparmio immediato: appena si arriva a destinazione: non c’e’ bisogno di prendere il treno e apprestarsi a un lungo percorso o dover inseguire (e pagare salato) un taxi, ma per raggiungere il centro di Londra basta salire sulla Metro, tra le più efficienti del mondo, che a Heathrow ferma in pratica in ogni gate.
Certo: sarebbe un’idea vendere la card per la Metro di Londra già in partenza, qui a Perugia. Vediamo se a qualcuno verrà in mente.
Il volo già al suo primo giorno ha detto che sarà importante, al momento, soprattutto per l’incoming turistico. Il volo da Londra era pieno, al ritorno, da Perugia, invece sono partiti solo in 50.
Ultima nota: l’aeroporto dell’Umbria sta per chiudere il mese di maggio con un numero record di passeggeri.
Ps. Visti tutti questi nuovi servizi non sarà il caso di far sapere agli umbri le possibilità dell’aeroporto con adeguata campagna di comunicazione?

findazione carit

Un milione di euro dalla Fondazione Carit per l’Anfiteatro romano: «Impegno a supporto della collettività»

Ospedale e miglioramento anti-sismico: le precisazioni del Santa Maria di Terni