in ,

Miss Keta per la serata conclusiva del festival L’Umbria che spacca

A Perugia il prossimo 3 luglio

foto di Teresa Ciocia

PERUGIA – Anche Miss Keta a L’Umbria che spacca. Questo l’annuncio degli organizzatori che svelano così il quarto headliner del main stage ai Giardini del Frontone, ospite della nona edizione del festival che prenderà il via a Perugia dal 30 giugno al 3 luglio.

Myss Keta arriva in Umbria domenica 3 luglio per un concerto a ingresso libero dopo aver di recente annunciato il “Finimondo”, primo singolo da “Club Topperia”, il nuovo album in uscita il 27 maggio.
Fra Edoardo Vianello e Terry Gilliam, la cantante mascherata è tornata sulle scene con una canzone estiva che dai favolosi anni Sessanta rimbalza in un tempo indefinito. Prodotta dal giovane e talentuoso producer Greg Willen, che per l’occasione campiona in chiave techno “Il capello” dell’iconico padre di tutte le hit estive, e la partecipazione di Walter Ferrari, “Finimondo” è il racconto lisergico di un incontro a un after in riviera che si trasforma in un week end in stile “paura e delirio a Gabicce Mare”. Una cartolina che arriva dalla rovente estate di un futuro imprecisato, fra scenate di gelosia, dirty talking, drink dai colori sgargianti e sfrenato dancefloor.

GLI ARTISTI FINORA ANNUNCIATI

Ariete il 30 giugno, Willie Peyote venerdì 1 luglio, opening Mobrici, Dario Brunori sabato 2 luglio, opening Margherita Vicario.
L’Umbria che Spacca è ideato, sviluppato e promosso dall’associazione culturale Staff Roghers. L’edizione 2022 è realizzata con il contributo di Regione Umbria, Comune di Perugia, con il patrocinio di Galleria nazionale dell’Umbria, Direzione regionale musei Umbria, Università degli studi di Perugia, Adisu Umbria, con il sostegno della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia e dei fondi Por Fesr Umbria 2014-2020 – Az. 3.2.1 – Avviso pubblico per partecipazione Progetto spettacoli dal vivo, e con la collaborazione di Fai – delegazione di Perugia. Main sponsor Coop centro Italia, media partner Radio Subasio.

ternana calcio

Lucarelli: una lettera d’intenti nello stile sornione del presidente

“Il coraggio di remare”: grande successo per il convegno