in

Il consiglio comunale approva a maggioranza il Piano economico finanziario 2022-2025

Interventi in bilancio e detrazioni in base all’Isee per contenere i costi per i cittadini di Città di Castello

default
Si.Sa.

CITTÀ DI CASTELLO (Perugia) – Il consiglio comunale ha approvato a maggioranza il Piano economico finanziario 2022-2025 del servizio di gestione dei rifiuti urbani e l’articolazione tariffaria della Tari per l’anno 2022 riguardante le utenze domestiche e non domestiche. Per il 2022 il costo complessivo del servizio di gestione dei rifiuti urbani sarà pari a 8 milioni 323.441 euro con un costo medio del rifiuto raccolto al chilogrammo pari a 34,23 centesimi di euro, a fronte di un valore benchmark di riferimento del settore in Italia pari a 38,05 centesimi di euro. 

In un anno nel quale non saranno disponibili fondi Covid-19 per ridurre le tariffe (lo scorso anno pari a 1 milione 144.582 euro), l’amministrazione comunale è intervenuta per contenere i costi tariffari della Tari per il 2022 con 276.884 euro di fondi di bilancio vincolati nell’avanzo di amministrazione e con riduzioni a carico del bilancio per 211.000 euro. Dopo l’approvazione degli equilibri di bilancio a luglio, il Comune finanzierà ulteriori detrazioni per gli utenti, in particolare per le famiglie numerose, legate al parametro ISEE. Per il 2022 l’ente applicherà, infatti, la regolamentazione definita dall’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, e validata dall’AURI, che quest’anno è cambiata: i costi variabili saranno prevalenti nel calcolo tariffario rispetto ai costi fissi, contrariamente a quanto avveniva in precedenza. Degli 8 milioni 323.441 euro di costo del servizio, i costi variabili dipendenti dai quantitativi di rifiuti prodotti ammontano infatti a 6 milioni 712.327 euro e quelli fissi relativi alle componenti essenziali del servizio ammontano a 1 milione 611.115 euro. In termini di applicazione tariffaria, per le utenze domestiche diminuiranno, pertanto, i costi al metro quadrato relativi all’immobile e aumenteranno quelli agganciati al numero dei componenti del nucleo di residenza. Per effetto della nuova metodologia di calcolo definita dall’ARERA un singolo utente con una casa di 75 metri quadrati pagherà 148 euro; una famiglia di 3 persone con una casa di 100 metri quadrati pagherà 301 euro; una famiglia di 4 persone con una casa di 125 metri quadrati pagherà 320 euro. Per le utenze non domestiche invece, essendo entrambe le componenti tariffarie, fissa e variabile legate ai metri quadri, l’incremento medio sarà intorno al 4 per cento. Nel 2022 le scadenze per il pagamento rateizzato della Tari saranno le seguenti: 30 agosto, 30 ottobre e 30 dicembre. Gli utenti che opteranno per il pagamento in unica soluzione saranno tenuti a versare quanto dovuto entro il 30 novembre 2022.

Spacciava cocaina in bici: arrestato un giovane

Assisi foto fracec

“Caduto da sempre”: ad Assisi cento anni di Pier Paolo Pasolini