in ,

Lutto nell’imprenditoria umbra: è morto Torquato Novelli

SPOLETO (Perugia) – È morto a quasi 92 anni Torquato Novelli, uno degli imprenditori più importanti dell’Umbria: lungimirante, quasi un visionario, che ha creato non solo aziende in salute, ma ha inventato oltre quarant’anni fa modalità di fare impresa che sono attuali ancora oggi.

Finto burbero amante della battuta di spirito e dall’enorme carisma, si iscrisse negli anni Cinquanta alla facoltà di Medicina, decise di abbandonare gli studi e alle corsie degli ospedali preferì fare grande l’attività di famiglia, partendo dal piccolo forno del padre a Baiano di Spoleto. Da lì, nacque quella che poi diventò l’Interpan, con l’idea di esportare e distribuire nei supermercati, per esempio, il pane di Terni “sciapo”, tagliato a fette e riconoscibile dal bollino di garanzia, tra i prodotti più caratteristici della regione.
Patriarca e punto di riferimento della famiglia, con gli altri fratelli, creò poi l’Ovito, sua l’idea delle uova pastorizzate e del marchio sulle uova, la data di deposizione e la tracciabilità di filiera, utilizzato ancora oggi, realizzò stabilimenti in Lazio e Lombardia e negli anni arrivarono anche la Cantina Novelli per la produzione di Sagrantino di Montefalco, il Molino di Amelia e i mangimifici Super Stella. Insomma, quella variegata e fortunata galassia che portò il gruppo Novelli tra i maggiori dell’Umbria. Tra le tante attività, fu per anni presidente della Confapi e restò al lavoro fino a circa 10 anni fa, quando si ritirò a vita privata.
Oggi lascia la moglie e i figli Augusto, Paola, Michele e Stefano, insieme al ricordo di un imprenditore che sapeva anticipare il progresso, puntando sempre alla qualità dei prodotti.
Alla sua famiglia, le sincere condoglianze della redazione di Umbria 7.
I funerali si terranno nella chiesa di san Giovanni di Baiano (Spoleto) sabato 4 giugno alle 10.30

Festa della Repubblica: la fotogallery delle premiazioni e delle celebrazioni a Terni

Laterizi e manufatti in cemento, rinnovato il contratto nazionale: in Umbria interessa 18mila persone