in ,

Terni, palazzo Spada scivola sul capodanno Rai rischiando un debito fuori bilancio

Il sollecito di pagamento

Al. P.

TERNI – La Siae mette in mora il Comune di Terni. È di questa mattina l’intimidazione di pagamento dei diritti d’autore per lo spettacolo del Capodanno Rai all’interno di Ast. Perché Palazzo Spada non ha mai pagato l’importo a suo carico, relativo all’evento finanziato da Regione Umbria e Fondazione Carit.

Così, con una lettera indirizzata al sindaco Leonardo Latini e alla dirigente Emanuela Barbon, la Siae annuncia di «procedere giudizialmente al fine di ottenere la corresponsione dei compensi ammontanti oggi a complessivi euro 30.841,29». «Tale somma è dovuta a fronte della avvenuta fruizione di repertorio tutelato da Siae – si legge nel documento – in occasione dell’evento organizzato a Terni il 31 dicembre 2021, “L’anno che verrà”, ed in forza dell’autorizzazione concessa con il permesso sottoscritto dal Comune».
L’intimidazione di pagamento, ex art. 1454 c.c., e la messa in mora ex art. 2943 c.c., avrà le relative conseguenze di legge. Ovvero: se Palazzo Spada non riuscisse a pagare quell’importo entro 15 giorni, dovrà far fronte ad un aggravio di spese previsto all’art. 164 n. 3 L. 633/41.
«È vergognosa la nota pervenuta al protocollo del Comune – commenta il capogruppo del Pd, Francesco Filipponi – da parte della Società italiana degli autori ed editori. Si potrebbe configurare un debito fuori bilancio da coprire con urgenza, e sicuramente richiederà un assestamento (di bilancio) che dovrà essere votato entro la fine di luglio. Questa faccenda denota una totale mancanza di organizzazione rispetto agli eventi di promozione del territorio, e rileva sciatteria amministrativa». Non prevedere un’uscita di oltre 30mila euro è soprattutto sinonimo di “sciatteria amministrativa”, per Filipponi.

carabinieri di norcia

Sottoscrive un contratto di assicurazione online ma è una truffa

Greta Narcisi

Greta Narcisi porta i colori dell’Umbria alle finali di Miss Mondo Italia