in

Premio Vittoria Aganoor Pompilj: giuria allo spoglio delle lettere

La cerimonia di premiazione si terrà il prossimo 11 settembre a Monte del Lago nell’ambito del Festival delle corrispondenze

MAGIONE (Perugia) – Sono oltre cento le lettere arrivate alla segreteria del premio Vittoria Aganoor Pompilj organizzato dal Comune di Magione e riservato a lettere e carteggi. Il lavoro ora passa alla giuria che il comitato organizzatore ha voluto fatta da figure rappresentative di tutte le professionalità che operano nel settore dell’editoria: scrittori, agenzie letterarie, editori, librai, comunicatori.

Ne fanno parte la poetessa Vittoria Bartolucci (presidente onorario), il giornalista Mino Lorusso (presidente), Fabio Versiglioni di Futura edizioni, la scrittrice Marilina Giaquinta, Costanza Lindi e Elena Zuccaccia dello studio editoriale Settepiani, Maria Grazia Virgilio e Monica Fanicchi della libreria Libri Parlanti.
«Siamo veramente soddisfatti – commentano gli organizzatori – perché un componimento in forma di lettera è molto complesso e il tema quest’anno non era certo dei più semplici: “la caducità delle cose” ispirato come sempre a una frase tratta dalle lettere di Vittoria Aganoor. In oltre vent’anni di attività, il premio festeggerà l’anno prossimo il quarto di secolo essendo stato istituito nel 1998, abbiamo visto non solo crescere la qualità dei testi che partecipano ma, soprattutto, la correttezza nella forma lettera. All’inizio arrivavano molto spesso poesie o racconti. Sapere che oggi, addirittura, la struttura del componimento in forma di lettera si studia sempre più anche nelle scuole è per noi molto importante».
La cerimonia di premiazione si terrà l’11 settembre a Monte del Lago nell’ambito del Festival delle corrispondenze. Per l’occasione, saranno presentati anche i libri vincitori della prima sezione dello scorso anno.

Habemus Piano sanitario regionale: via ai doppioni e distretti tagliati. Tutte le novità

ANA CARLA MAZA

I ritmi cubani di Ana Carla Maza a chiudere “La voce della Terra”