in

Ricostruzione post-sisma 2016, trend positivo per l’Umbria: accelerano i lavori nei cantieri pubblici e privati

Ditta ternana si aggiudica i lavori per l’ospedale di Norcia, il comune con il più alto numero di richieste private per concessione del contributo. Il report

Messa celebrata in piazza San Benedetto, a Norcia

PERUGIA – Trend positivo in Umbria per la ricostruzione post-sisma 2016. Nonostante le difficoltà generali legate a fattori di vario tipo, dalla pandemia all’inflazione, negli ultimi due anni si è registrata un’accelerazione nell’avanzamento dei lavori sia nei cantieri degli interventi pubblici sia in quelli d’edilizia privata. È quanto evidenziato dall’ufficio speciale ricostruzione nel rapporto 2022 “la ricostruzione e la rigenerazione dell’Appennino”, presentato oggi dal Commissario straordinario per la ricostruzione, nell’imminenza dell’anniversario della prima scossa di terremoto che il 24 agosto 2016 colpì un vasto territorio fra Umbria, Lazio, Marche e Abruzzo.

Sul fronte della ricostruzione degli edifici privati, dall’inizio della ricostruzione al 31 luglio scorso sono pervenute all’Usr Umbria 3757 richieste per la concessione di contributo (2883 di danno lieve e 874 relative a danni gravi al patrimonio edilizio abitativo e produttivo). Di queste, 2402 sono le istanze accolte presso l’Usr e i comuni di Cascia, Norcia e Spoleto; 508 quelle respinte. Al 30 giugno scorso, risultano 1113 i cantieri conclusi, 1072 dei quali per la riparazione dei danni lievi.

La ricostruzione leggera è al 90%, mentre – fa sapere la presidente della regione, in qualità di vicecommissario alla ricostruzione per l’Umbria – è fissata al 31 dicembre prossimo la scadenza per accedere ai contributi per la riparazione di danni gravi, che si stima possano riguardare circa altri duemila progetti. Per quanto riguarda le attività produttive, sono state presentate 281 richieste di contributo, 183 delle quali concesse, per un importo totale di oltre 31 milioni di euro, di cui più della metà (16.757.810 euro) già liquidato. Le liquidazioni dei contributi avvengono in Umbria nell’arco di trenta giorni.

Il comune dove finora si è registrato il più alto numero di richieste presentate è Norcia (che ha avuto danni nell’edilizia privata per un valore di 831 milioni di euro): al 30 giugno, 951 domande per 298 milioni di euro. Norcia in cima alla graduatoria anche per numero di domande approvate, con 737 decreti emessi per un importo di 181 milioni di euro.

Grazie al lavoro dell’Usr, un notevole incremento si è registrato anche nella liquidazione degli stati avanzamento, le cui richieste sono aumentate nel 2022: da gennaio al 31 luglio scorso, l’Usr ne ha ricevute 863 (erano state 1997 dal 2017 a fine 2020), di cui 791 evase e il resto in istruttoria. Su circa 244,5 milioni di euro liquidati dall’inizio della ricostruzione ad oggi, oltre 135 milioni sono stati liquidati dal 2021 ad oggi (di questi, più di 70 milioni di euro quest’anno).       

Altrettanto positiva è l’accelerazione nello stato di avanzamento sul fronte degli interventi pubblici, con 290 opere attualmente finanziate in Umbria, per 441 milioni di euro. Da finanziare altri 367 progetti fra istituti scolastici, strade, edifici pubblici e altro, per oltre 463 milioni di euro. In particolare, fra le opere pubbliche strategiche per la comunità della Valnerina, potranno aver inizio entro l’anno i lavori per l’ospedale di Norcia: il 12 agosto scorso – rende noto il direttore dell’Usr Umbria – i lavori sono stati aggiudicati all’impresa capofila Primo Taddei di Terni. Inoltre, dopo la demolizione già avvenuta, entro il mese di settembre verrà bandita la gara per l’aggiudicazione dei lavori per l’ospedale di Cascia. In fase di cantiere la ricostruzione della Basilica di San Benedetto a Norcia (circa 15 milioni di euro), mentre è stato trasmesso all’Anac il bando per la ricostruzione di Castelluccio. 

Nuovi interventi saranno attivati attraverso il programma NextAppennino, finalizzato al rilancio e allo sviluppo economico e sociale dei territori colpiti dal sisma nel 2016: tutti i Comuni del cratere del sisma umbro hanno presentato nei tempi stabiliti i progetti per accedere ai finanziamenti del fondo complementare del Pnrr, mirati alla transizione ambientale e digitale, alla conservazione dei beni culturali e ambientali, alla ricerca e alla dotazione di infrastrutture, con opportunità per le imprese e la creazione di posti di lavoro.

I risultati fin qui conseguiti vengono valutati con soddisfazione dall’amministrazione regionale: sono frutto di un notevole impegno, portato avanti anche sui tavoli istituzionali, e che spronano ad andare avanti ancora con maggiore determinazione per accelerare ulteriormente i lavori della ricostruzione pubblica e privata, garantendo nuovo sviluppo nei territori colpiti dal terremoto, a beneficio di tutta la comunità regionale.

Lavori e proteste a viale Borsi: «Pronti per il sit-in»

Azione riparte dal Tridente: Leonelli-Grimani-Fora. Le ansie di Fdi. Lega, derby Alessandrini-Briziarelli