in

A Santa Maria degli Angeli una panchina rossa per dire “basta” alla violenza di genere

Coinvolte anche le scuole del territorio

R.P.

ASSISI (Perugia) – Inaugurata venerdì 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una panchina rossa nell’area di viale Maratona a Santa Maria degli Angeli alla presenza del sindaco di Assisi Stefania Proietti, dell’assessore alle pari opportunità Veronica Cavallucci, delle studentesse e degli studenti delle scuole del territorio, delle forze dell’ordine e di diversi consiglieri comunali. Un gesto semplice, simbolico e significativo per dire ancora una volta “basta” alla violenza sulle donne.

«Nessuno può rimanere indifferente o girarsi dall’altra – la voce corale di sindaco e assessore – tutti possiamo fare qualcosa per far sì che cambi la cultura e la mentalità della sopraffazione di genere».
«Oltre al punto di ascolto antiviolenza come amministrazione comunale – ha spiegato la Cavallucci – abbiamo voluto coinvolgere le scuole e la biblioteca comunale con la convinzione che soltanto dalla sensibilizzazione e dall’insegnamento del rispetto possa esserci il vero cambiamento nei rapporti interpersonali».
«Come ha sostenuto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella – ha affermato la Proietti – la violenza nei confronti delle donne è una violazione dei diritti umani, molto diffusa, purtroppo e senza distinzioni geografiche, generazionali e sociali. La strada della denuncia è l’unica percorribile e denunciare una violenza richiede coraggio ma soltanto ribellandoci possiamo attuare tutte le difese a disposizione. La panchina rossa è una “voce” che parla del posto occupato, del colore del sangue, da una donna che non c’è più, portata via dalla violenza».

Violenza sulle donne, l’intervento di Gentiletti: «Basta retorica, servono azioni concrete»

Terni, partono bene gli acquisti di Natale