in

Terni Film Festival: ecco tutti i vincitori

Ucraina protagonista nella XVIII edizione della kermesse

TERNI – È l’ucraino Carol of the bells il trionfatore della XVIII edizione del Terni Film Festival. La pellicola di Olesya Morgunets-Isaenko (prima donna a vincere il premio principale del festival del cinema di Terni) ha ottenuto infatti sia il premio della giuria internazionale composta dall’italiana Claudia Di Giovanni, il polacco Tadeusz Syka e l’algerina Lynda Bekhtaoui, sia quello della giuria Signis. L’Ucraina ottiene anche l’Angelo per il miglior documentario con Gli altri rifugiati che il regista palestinese Mohammed Almughanni ha girato al confine con la Polonia.

L’Ucraina è stata anche la protagonista del focus che ha chiuso l’edizione 2022 della kermesse diretta da Moni Ovadia:  un’intera giornata dedicata alla storia, al folklore, ai sapori e alla musica del paese in guerra, iniziata con una preghiera nella chiesa di Santa Maria Regina presieduta dal vescovo Francesco Soddu e proseguita al cinema Politeama con le proiezioni dei due film vincitori, canti tradizionali ma anche musica d’autore affidata ad artisti residenti sul territorio ternano come la cantautrice Eugenia Shalata, la soprano Anastasia Tomashevska e la giovanissima profuga Uliana.

Ecco tutti in vincitori:

Miglior film: CAROL OF THE BELLS di Olesya Morgunets-Isaenko, Ucraina

Miglior documentario: GLI ALTRI RIFUGIATI di Mohammed Almughanni, Polonia

Miglior cortometraggio : CENA CON DELIVERY di Daniele Catini, Italia

Migliore opera in realtà virtuale: TOP OF MEMORY ILLUSION di Jialiang Liu, Giappone

Miglior serie televisiva: BANGLA – LA SERIE di Phaim Bhuiyan ed Emanuele Scaringi, Italia

Premio Nuovi Sguardi – corti di animazione: TANGLE di Maliheh Gholamzadeh, Iran

Film dell’anno: NON MORIRO’ DI FAME di Umberto Spinazzola, Italia

Premio Signis : CAROL OF THE BELLS di Olesya Morgunets-Isaenko, Ucraina

Gran Premio della Giuria: THE STORY OF ALL US WOMEN di Itxaso Diaz, Spagna

Miglior regia: HLEB PAPOU Il legionario, Italia

Miglior attore protagonista: GERMANO GENTILE Il legionario, Italia

Miglior attrice protagonista: SOPHIA GUASTAFERRO La santa piccola, Italia

Migliore attrice non protagonista: ELEONORA LAUSDEI Next One, Italia

Miglior attore non protagonista: ANDY LUOTTO  Quel che resta, Italia

Miglior attore non protagonista: MAURIZIO BOUSSO  Il legionario, Italia

Miglior attore non protagonista: JERZY STUHR Non morirò di fame, Italia

Miglior sceneggiatura: MATTEO CIRILLO  Internet sparito, Italia

Miglior sceneggiatura: PIERRE PIRARD  All of Us, Belgio

Miglior colonna sonora: GIOVANNA MARINI Giovanna marini – storie di una voce, Italia

Migliore fotografia: MATTEO REA Sentieri di ferro, Italia

Miglior montaggio: ANDREA SBARRETTI Su queste montagne, Italia

Migliori effetti: ALL OF US di Pierre Pirard, Belgio

Migliore ambientazione: ALL OF US di Pierre Pirard, Belgio

Premio della Critica: DON’T TELL ANYONE di Sahar Sotoodeh, Italia

Miglior canzone: LATELY di ACo, Italia

Angelo alla carriera: NINNI BRUSCHETTA, Italia

Premio Gastone Moschin: EMANUELE STRACCHI, Italia

Premio San Valentino: GIANDONATO SALVIA, Italia

Premio Panchina Rossa:EDOARDO DE ANGELIS Lella; GIANNI FERRERIPiccole cose di valore non quantificabile; GUGLIELMO POGGI Next One; FOLCO NAPOLINI We Are The Others

Polizia stradale notte

Terni: chiusa temporaneamente l’E45 all’altezza di Montecastrilli

A Perugia festeggiano gli studenti: riaperta l’aula studio in centro storico