in ,

Città di Castello capitale dei presepi: boom di visitatori in basilica

La mostra sarà visitabile fino al prossimo 8 gennaio

R.P.

CITTÀ DI CASTELLO (Perugia) – Grande affluenza di visitatori provenienti da tutta Italia e dall’estero alla 21esima edizione della mostra internazionale di Arte presepiale nella suggestiva cripta della basilica cattedrale. Anche a San Silvestro un flusso continuo di persone ha potuto ammirare le oltre 250 opere in “vetrina”, realizzate da più di cinquanta maestri artigiani.

Numeri che superano di gran lunga la soglia record di presenze del 2019, ragion per cui i responsabili dell’associazione Amici del Presepio Gualtiero Angelini, il presidente Lucio Ciarabelli e il vice Caludio Conti, hanno deciso di prorogarla a domenica 8 gennaio.
«Città di Castello si conferma come punto di riferimento nazionale dell’arte presepiale – hanno dichiarato il sindaco Luca Secondi e gli assessori alla cultura Michela Botteghi e al Turismo, Letizia Guerri – Unna visuale completa dell’arte presepiale in generale, in una meravigliosa sede quale è la cripta del duomo, messa a disposizione dal vescovo e dalla diocesi che ringraziamo sentitamente per la sensibilità dimostrata sempre fin dall’inizio della manifestazione che rappresenta anche un punto di riferimento a livello economico e turistico non solo per il comprensorio altotiberino, la regione Umbria, ma per il paese, con un particolare riferimento all’utilizzo nel periodo natalizio di molte strutture ricettive».

mostra presepi città di castello

Oltre alla consueta prestigiosa location della basilica nella centralissima piazza Gabriotti si aggiunge anche un suggestivo tour presepiale itinerante cittadino, alla Pinacoteca comunale (con un presepe settecentesco su teca dipinta a mano in stile napoletano. Adorazione dei Pastori. Bottega di Andrea della Robbia), la chiesa del Buon Consiglio (grande presepe in cartapesta, opera dell’artista Francesco Invidia), la chiesa di San Giuseppe (Clarisse Urbaniste, presepe tradizionale umbro realizzato con la tecnica dei diorami), lA chiesa di Santa Maria Maggiore, Campanile Rotondo (presepe in stile umbro), Tela Umbra (presepe “Franchetti”), museo del Duomo, loggiato Gildoni (Collezione Silvio Bambini, 300 opere), corso Vittorio Emanuele (presepe della società rionale Matonata), chiesa Santa Maria e San Giuliano Riosecco (Presepe della società rionale), Chiesa degli Zoccolanti (presepe tradizionale) e Santuario Belvedere (presepe tradizionale).
La mostra è aperta al pubblico tutti i giorni con un biglietto unico di accesso di 2,50 euro e catalogo (6 euro, fino ad esaurimento), dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19,30 feriali e festivi, gratuito per i ragazzi fino a 12 anni.

Foligno, Mia nasce prima del countdown: il primo nato del 2023 è Edoardo

A Terni l’ultimo e il primo vagito sono azzurri: benvenuti Edoardo ed Ezer