in ,

I Gazosa tornano on air con “L’italiano”

PEOPLE | Un testo sugli stereotipi dell’italianità

Si intitola “L’italiano” il singolo in uscita per Jericho records venerdì 29 aprile che segna il ritorno sulla scena di Federico Paciotti, Valentina Paciottie e Vincenzo Siani, della band romana dei Gazosa.

«Nonostante la fine del progetto, la musica, ha continuato a unirci, a tal punto da portarci in sala prove per gemmare insieme di tanto in tanto – affermano i Gazosa – Abbiamo iniziato a pensare concretamente all’idea di una reunion in occasione del ventennale della nostra partecipazione al Festival di Sanremo del 2001. Quindi nell’estate del 2021 ci siamo ritrovati in studio per dare forma alla nostra nuova identità musicale. La musica fa parte del nostro dna fin da quando eravamo piccolissimi. Per noi rappresenta condivisione, creatività e divertimento. La facciamo senza troppi pensieri e cercando di essere il più autentici possibili con l’intento di trasmettere positività a chi ci ascolta. Le nostre famiglie ci hanno sempre sostenuti e supportati in questa nostra “mission”, inoltre abbiamo avuto la fortuna di lavorare con dei grandissimi professionisti».

gazosa

Il video del brano, prodotto da Ruggiero Film Production di Gennaro Ruggiero con regia Valerio Matteu e la partecipazione dell’attrice Angelica Loredana Anton, sarà visibile sul canale YouTube ufficiale dei Gazosa dalle 14 del 29 aprile.
«Maturando – continua la band – ci siamo concessi la libertà di esprimere noi stessi fino in fondo. Generi come il punk, lo stoner e il grunge sono diventate le nostre coordinate sonore che abbiamo fuso alla migliore tradizione del pop italiano. L’Italiano è la giusta sintesi tra questi nostri riferimenti musicali. Nel testo abbiamo voluto giocare con tutti gli stereotipi dell’italianità come il fairplay, il buon cibo, il calcio e il grande cinema».

Corsa all'anello

Corsa all’anello: al teatro Manini si parla di rinascita dopo la peste

Liste d’attesa, come si esce dall’incubo dei 100mila arretrati? Bori (Pd): «Super piano di emergenza condiviso». Nevi (Fi): «Serve l’intesa coi privati per non penalizzare i poveri»