in

Sziget Festival, a Budapest la musica italiana è protagonista

PEOPLE | Ricca la pattuglia nostrana all’evento dell’estate

Torna il Sziget Festival di Budapest e come consuetudine sarà presente una folta schiera di artisti italiani nella programmazione del festival, dal 10 al 15 agosto si alterneranno performance di vario genere che includeranno esibizioni live, dj-set, danza e arti circensi.

Arrivano al Sziget Festival gli Psicologi e Margherita Vicario che saranno protagonisti sullo Europe Stage, Modena City Ramblers, Bais ed Erica Mou condurranno la folta squadra tricolore sul Lightstage, Boston 168, Slv, Glowal, Zioner saranno presenti sul prestigioso Colosseum e Villabanks si esibirà sul nuovo palco dedicato alla musica hip hop.

Nel Theatre & Dance Field sarà presente con il suo spettacolo, il pluripremiato coreografo e ballerino Alessandro Sciarroni vincitore del Leone d’Oro alla carriera nel 2019. Nel Global Village troveremo Lalala Napoli con la grande energia che li contraddistingue e le contaminazioni world, poi il Duo Masawa con la loro danza dalle evoluzioni mozzafiato e il Duo Kaos maestri nell’arte di strada che saprà ancora una volta impressionare e incantare il pubblico del festival di Budapest sempre molto partecipe e attento all’arte in generale.

Questi di seguito tutti i nomi made in Italy presentati nella lineup: Psicologi, Margherita Vicario, Modena City Ramblers, Boston 168, Bais, Erica Mou, Stain, Nooa, The Big Ska Swindle, Mr. Bogo Dj, Fab Mayday Dj, Gianpiero, Chroma Soud System, Duo Masawa, Duo Kaos, Lalala Napoli, Zioner, Alessandro Sciarroni, SLV e Glowal.

Il Sziget Festival ritornerà tra il 10 e 15 agosto sempre a Budapest, sull’Isola di Obuda detta anche l’Isola della Libertà. Come di consueto sarà possibile accedere già da due giorni precedenti rispetto all’inizio della programmazione. Nei giorni 8 e 9 agosto, con il moving-in ticket, sarà consentito campeggiare e magari approfittare per visitare la splendida capitale ungherese sempre piena di attrazioni, pub molto frequentati e scorci romantici sulle colline di Buda prospicienti il Danubio.

Quella del 2022 si preannuncia un’edizione particolarmente frequentata dai visitatori provenienti da tutto il mondo. Oltre ai soliti e tanti olandesi, francesi, inglesi, italiani sarà particolarmente folta la presenza di australiani. Questa dell’internazionalità è una caratteristica del festival di Budapest che da sempre si è distinto per la sua predisposizione ad ospitare persone da tutto il mondo, di ogni etnia e di ogni orientamento sessuale. “Join the love revolution” è il claim coniato da qualche anno e rimane il principio ispiratore degli organizzatori e dei suoi frequentatori.

Chiaramente il Sziget Festival anche per il 2022 presenterà una grande Lineup fatta di grandi nomi internazionali, e in questa edizione tra i tantissimi altri sarà possibile assistere ai live di Justin Bieber, Arctic Monkeys, Dua Lipa, Tame Impala, Kings of Leon, Calvin Harris, Sam Fender, Fontaines D.C., Steve Aoki, Caribou, Stromae, Bastille.

Lorenzo Barone, due euro in tasca, 130 chilometri al giorno in bici e quella notte in cella in Etiopia

Largo Cairoli, è tutto un altro scenario