in

Commercianti di Spello e Nazionale dj in campo contro il bullismo

Una serata tra musica e sport per vincere il disagio giovanile

SPELLO (Perugia) – Torna a Spello, dopo due anni di stop dovuti alla pandemia, l’appuntamento estivo con la Nazionale italiana dj. Il 4 agosto alle 18 nel parcheggio della Villa dei Mosaici, si terrà infatti la serata promossa dall’associazione Amici di Spello con il patrocinio del Comune e in collaborazione con l’Osservatorio nazionale sul bullismo e il disagio giovanile.

Come di consueto, scopo della serata dal titolo #ilbullononballa è quello di far avvicinare le nuove generazioni alle tematiche sociali, passando attraverso la musica e l’aggregazione sociale. In questo 2022 si vuole soprattutto accendere i riflettori sul problema del bullismo e il disagio giovanile. Ma non solo. Grande attesa anche per la partita di calcio tra la Nazionale dj e una rappresentativa dei commercianti del comune umbro.
«Siamo felicissimi di poter ripresentare un evento a cui siamo tanto legati – evidenzia Gianluca Insinga, presidente dell’associazione Amici di Spello – Tantissime persone, in questi mesi, hanno chiesto alla nostra associazione di poter riproporre questa serata e, grazie all’amministrazione comunale e in particolare al sindaco Moreno Landrini e alla sua giunta, siano riusciti in questo intento trovando una location in grado di garantire maggiore sicurezza e più spazi».
«Partecipo con entusiasmo a questa iniziativa così importante – commenta Luca Massaccesi presidente dell’Osservatorio nazionale sul bullismo e disagio giovanile – è indispensabile comunicare con i giovani seguendo il linguaggio delle emozioni, eliminare la distanza tea gli adulti e i ragazzi, per poter dare un segnale profondo. Il nostro ente sarà presente a fianco del comitato organizzatore ringraziandolo sin da ora per averci dato la possibilità di far sentire la nostra voce».

Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) di Perugia 2

Mettono in vendita reperti archeologici ma senza certificazioni: il Tpc consegna il tutto al Manu di Perugia

De Felice, “ladro della vita” che regala a Terni semi di cultura