in

Italexit cresce in Umbria: costituita la sezione di Corciano

Il coordinatore è Stefano Babucci

PERUGIA – «Italexit cresce nei sondaggi nazionali e cresce anche in Umbria, dopo la sezione della città di Perugia si è costituita la Sezione di Corciano di Italexit per l’Italia».

Lo comunica una nota del partito, dopo che, alla presenza del coordinatore regionale Federico Vecchiarelli e del coordinatore provinciale Andrea Bindocci, si è tenuta la prima assemblea di sezione che ha visto eletti all’unanimità il coordinatore Stefano Babucci ed il responsabile organizzativo Stefano D’Angelo.
Grande soddisfazione esprime Vecchiarelli: «Cosi come nei sondaggi nazionali, il partito sta crescendo anche nella nostra regione in maniera costante e sistematica, questa crescita è dovuta anche grazie al lavoro assiduo dei molti iscritti che si adoperano quotidianamente nel combattere quello scetticismo diffuso prodotto da quei partiti che in poco tempo hanno saputo tradire ogni singola promessa fatta, il nostro obiettivo è portare la politica ai cittadini e in questo le sezioni locali avranno un ruolo cruciale. Sono certo che Stefano, con la sua esperienza, la sua competenza e la sua onestà intellettuale, porterà un grande apporto al partito e che saprà guidare il gruppo corcianese con saggezza».
Nel suo intervento Andrea Bindocci ha ribadito che «Italexit si sta radicando anche in Umbria, ogni giorno riceviamo manifestazioni di interesse da parte di cittadini che sono stanchi di vedere pezzi di Italia svenduti ai poteri economici stranieri, come sta accadendo in questi giorni con la situazione delle concessioni balneari. Anche se l’Umbria non vive direttamente questa problematica, il sentire comune di tante persone che vogliono ritrovare l’orgoglio di poter decidere sulla sorte della nostra nazione senza dover eseguire ordini che vengono dalla Comunità Europea, porta ad una grande condivisione degli obiettivi di Italexit per l’Italia». Il coordinatore della sezione di Corciano, Stefano Babucci, già presidente regionale dell’Opera Nazionale Invalidi Civili Sezione Umbria è intervenuto dicendo: «Dopo molti anni di impegno dedicato al Terzo Settore ed all’aiuto di persone con disagi, ho preso atto delle tante promesse mai mantenute dalle forze politiche locali a sostegno delle disabilità, così non avevo altra scelta che impegnarmi direttamente nella vita politica locale. In Italexit ho trovato i principi
che si richiamano alla carta costituzionale e tante valide persone con le quali possiamo costruire
insieme un futuro migliore per le nostre città e la nostra regione».

Salva la tua pelle: a Perugia una giornata dedicata a nevi, sole e screening

Banche centrali: giugno difficile