in ,

Collescipoli intitola i giardini pubblici a Lucio Dalla e scoppia la polemica

Le critiche gestionali e decisionali arrivano dall’associazione culturale l’Astrolabio di Collescipoli

TERNI – Il piccolo borgo di Collescipoli, frazione del comune di Terni, ha deciso di intitolare i giardini pubblici di via Quinto Granati al compianto e indimenticabile Lucio Dalla, tra i cantautori più seminali e importanti nel panorama della musica italiana.

Una scelta felice che non ha però risparmiato polemiche da parte dell’associazione culturale l’Astrolabio di Collescipoli, presieduta da Giuseppe Rogari. Tutto nasce dalla proposta dell’associazione di intitolare una via o un luogo del borgo a Willem Hermans, famoso “organaro”: «È lui ad aver lasciato a Collescipoli il primo organo barocco italiano – scrive Rogari in una nota -. La decisione di ignorare per l’ennesima volta Hermans denota una non conoscenza della storia del luogo, data la dedica a una personalità calata dall’alto, senza radicamento nel territorio».

E l’Astrolabio sottolinea anche la condizione di degrado e abbandono dei giardini appena intitolati a Dalla: «I giochi sono ormai da anni ritenuti pericolosi e addirittura nastrati dagli uffici comunali, ma per la stessa amministrazione comunali non sono meritevoli di essere inseriti nel piano giardini. Va inoltre ricordato che, pur essendo rientrato nel finanziamento Gal, nel piccolo spazio del giardino della Villetta non sono ancora cominciati i lavori, senza contare poi la situazione del parco della Meloria, senza illuminazione a terra e con un sistema d’irrigazione fuori uso da anni, ormai pieno di erbacce che hanno coperto le mura castellane».

Citando proprio Dalla, “per colpa di non so di chi”. O forse sì.

Umbertide: partono i lavori alla scuola “Garibaldi” e alla piscina coperta

I quarant’anni dell’Agosto Stronconese: « Una tradizione che unisce diverse generazioni»