in ,

Passi in avanti per il nuovo ospedale di Terni

L’azienda ha inviato al gruppo privato le modifiche della nuova struttura

TERNI – Aggiornamento e passo in avanti per quanto riguarda il progetto del nuovo ospedale Santa Maria di Terni. L’azienda ospedaliera oggi ha inviato al gruppo privato proponente, capitanato dalla Salc, le richieste di modifica in base alle esigenze della nuova struttura.

Ricevuto il project financing dai soggetti proponenti, il 21 maggio 2021, l’Azienda ospedaliera di Terni ha provveduto a nominare come Responsabile unico del procedimento Gianluca Bandini, dando inizio alla prima analisi del progetto proposto. A luglio 2021 sono stati chiesti i primi chiarimenti di tipo tecnico e legale, a cui nei mesi successivi hanno fatto seguito le risposte dai soggetti proponenti (l’ultima in ordine di tempo è del 3 maggio). Negli oltre cento incontri organizzati con le parti interessate, sia interne che esterne all’ospedale, la direzione, in particolare quella sanitaria, ha elaborato un nuovo quadro esigenziale che va a definire attività, funzioni, relazioni e organizzazione dei vari flussi e percorsi clinico-assistenziali, senza dimenticare quelli logistici. Il documento è stato inviato il 22 luglio al direttore regionale salute e welfare, Massimo D’Angelo, il quale, il 3
agosto, ha dato parere favorevole per la parte di competenza, in termini di coerenza con la programmazione sanitaria regionale. Oggi sono state trasmesse, infine, ai soggetti proponenti il quadro esigenziale e la richiesta di adeguamento del progetto alle effettive necessità dell’ospedale di Terni da esso scaturite, con particolare riferimento ad alcune specifiche tecniche, progettuali e conseguenti aspetti economici e di sostenibilità (economico-finanziaria e ambientale).

«Nonostante l’impatto del Covid sulla gestione delle attività assistenziali e amministrative durante l’inverno – commenta il direttore generale Pasquale Chiarelli – i lavori sono andati avanti in doveroso silenzio, come previsto da ogni procedura, fino a elaborare il nuovo quadro esigenziale che oggi presentiamo ai soggetti proponenti. E per questo ringrazio tutta la direzione, il personale medico-assistenziale, gli amministrativi, e in particolare il direttore sanitario, il Rup e i rispettivi collaboratori, che hanno reso possibile l’elaborazione di un quadro esigenziale con una complessità che mai ha coinvolto questo territorio. Un ringraziamento particolare va alla presidente e all’assessore alla Salute e alle politiche sociali della giunta regionale, che sempre hanno sostenuto questa iniziativa nel solo interesse pubblico».

Rissa a colpi di machete a Fontivegge: violenti beccati grazie ai video dei passanti

Padel

Terni: non si arresta la Padel mania in città