in ,

Chiamata alle urne per convincere gli indecisi: la battuta finale del centrodestra

L’ultimo incontro al Cva di Ponte San Giovanni. LE FOTO

di Arianna Sorrentino

PERUGIA – Per il centrodestra battuta finale di questa campagna elettorale al cva di Ponte San Giovanni. Convincere gli indecisi: questo lo slogan della serata. Perché, a detta di tutti coloro che sono interventi sul palco, solo un governo con i grandi numeri può prendere scelte coraggiose.

L’attesa dei big sul palco è stata scandita dalle note di Rino Gaetano sparate dagli altoparlanti della sala. A colorarla, le numerose bandiere simbolo delle varie fazioni politiche. Ad animarla, invece, gli applausi delle oltre cento persone presenti. Gli interventi sono iniziati con quello del primo cittadino Andrea Romizi che ha ringraziato tutti gli alleati, ovvero la squadra che ha lavorato in queste settimane prima del voto.
«Possiamo fare miglioramenti se comprendiamo che la società può essere modificata. È necessario avere politici più decisi, preparati e lungimiranti e accanto a loro c’è bisogno di una comunità che riponga fiducia in loro». A sostenerlo, in fondo alla sala, le bandiere sventolate dai giovani di Fratelli d’Italia. Sono seguiti gli interventi di Renzo Baldoni, del sindaco di Orvieto Roberta Tardani, che ha sottolineato l’importanza del voto e la necessità di portare gli indecisi alle urne.
E’ salito sul palco il presidente del Consiglio comunale di Perugia Nilo Arcudi, poi la deputata Catia Polidori, il candidato capolista di Fratelli d’Italia Emanuele Prisco. Intervenuto il sindaco di Nocera Umbra e capolista della Lega Virginio Caparvi e Franco Zaffini. In sala, tra gli altri, anche il senatore Luca Briziarelli.
«Il centrodestra – in ultimo ha preso la parola la presidente della Regione Donatella Tesei – vincerà sicuramente. Ma se non vince bene non abbiamo nessuna certezza per governare questo paese. Dobbiamo arrivare a tutti. Stiamo lavorando sulla sanità. Ci vuole il tempo. Abbiamo dei risultati: risorse che l’Umbria ha preso dal Pnrr, ad esempio, per le infrastrutture. Il Pil nel 2019 era tra i più bassi nelle regioni d’Italia. L’aeroporto è cresciuto. Abbiamo fatto conoscere l’Umbria nel mondo».
Il discorso concitato della presidente conclude la serata tra applausi e grida di sostegno. Ora si gioca il round finale domenica.

23 settembre, l’autunno è con noi. Anche in finanza

Fabrizio Bosso_foto Roberto Cifarelli (1)

Connubio di musica e solidarietà ad Assisi con “Sounds for life”