in ,

Dopo lo sciopero in piazza a Perugia, arriva l’incontro fra Link e rettorato

Il coordinatore del movimento studentesco Nicola Cardinali: «È un segnale positivo, ma non siamo intenzionati a smobilitare»

R.P.

PERUGIA – Dopo la manifestazione del 18 novembre a Perugia, qualcosa si muove per gli studenti universitari e, infatti, lunedì 21 novembre i delegati di Link coordinamento universitario Perugia incontreranno un rappresentante del magnifico rettore sul problema della mancanza di aule studio per gli studenti.

«È un segnale positivo, ma non siamo intenzionati a smobilitare – le parole di Nicola Cardinali, coordinatore di Link – Dopo un anno di scioperi e proteste, dopo mesi di costruzione di una mobilitazione studentesca, le istituzioni iniziano ad aprire al confronto. Per adesso solo l’ateneo sta dando una prima apertura, sulla questione degli spazi. A partire da lunedì potremo dare delle valutazioni, in base ai risultati della discussione».
Al centro della trattativa saranno le aule studio in piazza Università e di via della Viola, spazi per una capienza complessiva di diverse decine di posti, che il sindacato studentesco denuncia essere chiusi dall’inizio della pandemia e sui quali, nonostante la fine delle restrizioni, prosegue Cardinali: «C’è molta poca chiarezza riguardo le prospettive di utilizzo da parte dell’ateneo».
Le richieste degli studenti si concentrano sulla riapertura dei due spazi, per poterli mettere a disposizione degli studenti come luoghi di studio e aggregazione. Viene sottolineata la situazione dei pendolari che hanno bisogno di un luogo per lo studio in città nell’arco della giornata. Tra loro sono moltissimi gli studenti che non sono riusciti a trasferirsi in città a causa della mancanza di alloggi e dei costi di affitti e bollette.

Ad Assisi consegnate 43 borse di studio in memoria di Tommaso Visconti 2022

Ad Assisi consegnate 43 borse di studio in memoria di Tommaso Visconti

A Perugia lo sport sotto i riflettori con “La notte dei Capitani”