in ,

Liberata una palazzina occupata a Perugia

L’operazione a Fontivegge dopo le segnalazioni dei vicini

PERUGIA – Una palazzina liberata, sei persone denunciate, di cui due saranno espulse. Questo il risultato dei controlli svolti dal personale della questura di Perugia – coadiuvato dagli equipaggi del Reperto Prevenzione Crimine Umbria Marche e dal Nucleo Decoro Urbano di Fontivegge della polizia locale – finiti con l’irruzione all’interno di uno stabile abbandonato in via Oddi Sforza, dove erano stati segnalati degli andirivieni sospetti, verosimilmente collegati a persone dedite al consumo di sostanze stupefacenti.

All’interno dell’edificio – il cui accesso ha richiesto l’intervento dei vigili del fuoco – gli agenti hanno constatato un generale stato di degrado con giacigli di fortuna, oggetti utilizzati per il consumo di stupefacenti e diversi rifiuti. Inoltre, sempre all’interno dell’immobile, gli agenti hanno rintracciato 6 persone – 2 donne e 4 uomini – dei quali 5 sono risultati essere cittadini stranieri e una cittadina italiana.
Nel corso dell’attività, un tunisino di 40 anni ha tentato di eludere il controllo, provando inizialmente a fuggire e poi arrampicandosi sul cornicione, minacciando un gesto estremo. Solo l’intervento di mediazione degli operatori ha convinto l’uomo a scendere evitando il peggio. A carico del 40enne pendeva un rintraccio per notifica di alcuni atti, tra cui un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa in sostituzione di una precedente misura ripetutamente violata.
Gli operatori hanno quindi accompagnato gli altri cittadini stranieri in questura per ulteriori accertamenti da parte dell’Ufficio Immigrazione circa la loro posizione: al termine delle attività di rito, nei confronti di un uomo e di una donna, risultati irregolari sul territorio nazionale, sono stati avviate le procedure amministrative per l’espulsione dallo Stato. Tutti e sei sono state denunciate per il reato di invasione di terreni ed edifici.

Il post dell’assessore Luca Merli:

Assalto alla chiesa di Monterone: il crocifisso rubato ritrovato nella spazzatura

Principio di incendio nella notte all’ospedale di Perugia