in ,

Terni, il Natale di via Angeloni inizia con la “Panchina scomposta”

Tagliati fuori dal bando di luci del Comune, dodici commercianti del centro si concentrano su un elemento di arredo urbano che non è mai stato aggiustato

TERNI –  “Panchina scomposta” – opera del Comune di Terni. Lo hanno detto e lo hanno fatto, i commercianti di via Angeloni: hanno fissato una targa su quello che resta della panchina in travertino venuta giù nel 2020 e lasciata spaccata in tanti pezzi.  

«Abbiamo scritto decine e decine di lettere all’amministrazione comunale – si fa portavoce dei commercianti di via Daniela Sforna –  ma sembra che  di questa parte di città non importi a nessuno. Infatti via Angeloni è la sola traversa di corso Tacito a non rientrare nel bando delle luminarie di Palazzo Spada.  Ma va bene lo stesso, vorrà dire che faremo come abbiamo sempre fatto, ossia autotassandoci e sfruttando le “opere” che abbiamo». Si riferisce alla “panchina scomposta”, «capolavoro di street art» – ironizza Sforna. Mettendola al centro  del progetto del “Natale di via Angeloni” che prevede la realizzazione di un cielo stellato a terra, il posizionamento di alcune lanterne sospese in aria, un albero di Natale al posto di quello che si è seccato «e nessuno ha sostituito» – rincara la dose – oltre a fioriere piene di piante di ciclamini.

La 18esima edizione di UmbriaLibri si chiude a Terni

Terni, atti vandalici lungo corso Vecchio prima di perdere la carta d’identità: quattro ragazzi denunciati