in ,

Al teatro Manini di Narni, due debutti nazionali 

Oltre a “Il canto della sirena” che inaugura la sezione kids, lo spettacolo “Cristo di Periferia” di Davide Sacco con Francesco Montanari

 

NARNI – La Stagione 2023 del Teatro Manini prosegue accogliendo due attesi debutti nazionali: quello firmato da Emma Dante nel testo e regia dal titolo “Il Canto della Sirena”, in programma nei pomeriggi di sabato 28 e domenica 29 gennaio alle ore 17 che inaugura la sezione Manini Kids; più la pièce di Emma Dan “Cristo di Periferia” che vedrà impegnata la coppia dei direttori artistici Davide Sacco e Francesco Montanari, nelle stesse date ma alle ore 21. 

Liberamente tratto da “La Sirenetta”di Andersen, “Il canto della sirena” racconta la storia di una sirena che se ne sta ore e ore su uno scoglio a contemplare il mare. L’umido del mare le trapassa le ossa e raffredda il suo corpo che ama invece la terraferma da dove il mare è una distesa bellissima con un odore buono. Ogni sera, Agnese, la più piccola di sei sorelle, con la pelle delicata come petali di rosa e gli occhi chiari come laghi profondi, canta a riva sotto le stelle, finché un giorno, a causa di una terribile tempesta, vede affondare una nave. Agnese si tuffa e salva un principe che sta per affogare. Lo riporta a riva e se ne innamora perdutamente. È a questo punto che la sirena fa la sua scelta: rinunciare alla coda di pesce per inseguire il grande amore. È disposta a tutto Agnese e chiede alla strega del mare il sortilegio. Avrà due gambe per correre dal suo principe e in cambio darà alla strega la sua voce. Ma non è tutto, il rischio è più grande: se il principe non ricambierà il suo amore, Agnese diventerà schiuma del mare. La sirena accetta tutto, anche di morire, e in una mutazione dolorosissima la sua coda si divide in due, generando le gambe di una donna senza voce. Il suo principe sarà disposto ad amarla? E la sirena si sentirà a casa sulla terraferma, oppure comincerà ad avere freddo? Si salverà Agnese o cadrà nell’abisso profondo del suo triste destino?

Lo scopriremo ascoltando la sua storia, drammatica come sono le favole, ma leggera com’è la brezza del mare. 

Il Cristo di Periferia, scritto e diretto da Davide Sacco con Francesco Montanari

e con Manina Circus Band, narra invece la storia di un giornalista “di un giornale che non esce in edicola” che viene inviato dal suo direttore in un circo di periferia per scrivere un articolo su un “povero Cristo” che, nella sua roulotte, trasforma l’acqua in vino e moltiplica i pani e i pesci. 

Scettico, il giornalista arriva in questo circo bastardo, dove incontra personaggi fragili e surreali: Maddalè, che camminava sul filo prima di rimanere zoppa, e che adesso legge le carte e “colleziona sogni claudicanti”, il nano Giuda, che ha un tatuaggio per ogni dolore che la vita gli ha causato, il direttore, crudele e spietato, fino a conoscere quest’uomo dei miracoli, il “povero Cristo”. 

Da quel momento in poi la storia scorrerà̀ incessante e inesorabile, come una storia vera, di quelle che ognuno vorrebbe aver vissuto, come i numeri del circo, che nascondono le paure e le sofferenze dietro alle luci e alle risate. 

Francesco Montanari narra con delicatezza e suggestione questa fiaba contemporanea, un racconto di umanità̀ e debolezza, che si interroga sul valore dei miracoli oggi, sulla bellezza del mondo a volte così difficile da intuire, e sull’importanza dei sogni. 

Un racconto di fede, quella stessa fede che spinge il funambolo a continuare a camminare sulla corda, sospeso nel vuoto: la fede che supera la paura.

Cgil, prove di sterzata a sinistra. Il nuovo segretario si decide a Roma nella riunione del 24: una poltrona per quattro

Terni: rami caduti in città dopo l’ondata di maltempo