in ,

Caso Bandecchi, Corridore (Ap): «Unicusano e le libere università, ecco le nostre ragioni»

La nota

di Riccardo Corridore (coordinatore di Alternativa Popolare Terni)
(riceviamo e pubblichiamo)

TERNI – In merito alle vicende relative al sequestro, da parte della Guardia di Finanza, e al successivo dissequestro, tuttora in corso, dei conti correnti riconducibili all’Università degli Studi Niccolò Cusano
(UniCusano) e a diverse attività del suo fondatore Stefano Bandecchi, le contestazioni, secondo gli
inquirenti, vertono sull’ipotesi che la UniCusano abbia registrato a bilancio alcune spese “ritenendosi indebitamente contribuente caratterizzato dall’esercizio prevalente di attività non commerciale”. Eppure le “Libere Università” (come appunto la UniCusano) sono inserite nel novero degli
enti pubblici non economici “considerato l’esplicito riconoscimento di personalità giuridica e
l’espresso conferimento di compiti di interesse pubblico”.

Quindi, per semplificare, si contesta ad UniCusano di essere un ente commerciale quando è la
giurisprudenza stessa a inserire la UniCusano (così come tutte le altre Libere Università italiane)
nel novero degli enti pubblici non economici.
È inoltre opportuno focalizzare l’attenzione su un altro aspetto, relativo al tema della decommercializzazione, ignoto ai più. Proviamo quindi a spiegarlo in parole povere: “Poiché le attività svolte dagli enti pubblici non economici hanno rilevanza sociale, essi godono di un trattamento fiscale
speciale, chiamato decommercializzazione, attraverso il quale alcune attività svolte dall’ente, e alcune tipologie di introiti sono esclusi da tassazione”.
Perché quindi è così importante comprendere il significato della parola “decommercializzazione”?
Perché molti, e probabilmente anche la GdF, confondono la commercialità dell’ente con la commercialità dell’attività. La recente legge di interpretazione autentica in materia riguarda, infatti,
l’attività didattica, che viene decommercializzata ex lege, ad eccezione delle società di capitali
(forma che non è rivestita da UniCusano). Allo stato attuale, quindi, le Libere Università, rientrando
nel novero degli enti non commerciali, godono della riduzione dell’aliquota Ires e Irap prevista
dall’art. 6 del d.p.r. n. 601/1973 (68).
Per cercare ancora una volta di semplificare, si considera esercizio di funzioni statali da parte di
enti pubblici, anche l’attività di formazione universitaria posta in essere dalle Libere Università
che hanno ottenuto l’autorizzazione a rilasciare titoli di studio universitario aventi valore legale,
non costituite sotto forma di società commerciali, e pertanto non sono assoggettabili a imposta
sui redditi le attività di formazione universitaria esercitata dalle Libere Università, non statali, legalmente riconosciute, come appunto la UniCusano.
Per quanto riguarda, poi, le ulteriori attività di gestione delle partecipazioni, la tesi della GdF si fonda
sulla nota giurisprudenza di legittimità che aveva interessato le Fondazioni bancarie in relazione alla
fruizione di una specifica agevolazione fiscale in ragione della loro natura. Ma anche qui il richiamo
è inadeguato, posto che anche in quel caso il problema riguardava la natura dell’ente e non la natura
dell’attività.
Ultimo ma non per importanza, la vicenda che ha interessato la Ternana Calcio che, a causa del
blocco dei suoi conti correnti, è stata impossibilitata de facto di svolgere l’attività di compravendita
nell’ambito del mercato di gennaio, anche in virtù della circostanza che la UniCusano, nelle more
dell’inchiesta ancora in corso e nel rispetto dell’azione della magistratura, non può effettuare trasferimenti alla Ternana.
Purtroppo si tratta della solita inchiesta, ben nota agli addetti ai lavori, infarcita di elementi “suggestivi quanto insignificanti” (aerei, macchine di lusso, viaggi in mete esotiche, etc.), che viene recepita
“acriticamente” da alcuni media che dimostrano di non possedere le necessarie competenze giuridiche, attivando quella che, dai più, viene sempre più spesso chiamata la “macchina del fango”.
Confidiamo, pertanto, nella Magistratura con l’auspicio però che gli inquirenti si avvalgano di consulenti adeguati e qualificati, al pari di quelli dell’UniCusano, perché in questo caso Stefano Bandecchi e la sua Università saranno definitivamente scagionati e verrà fatta chiarezza in una vicenda
tanto eclatante da un punto di vista mediatico, quanto infondata nei fatti e nell’interpretazione delle
norme in materia tributaria. Diversamente l’indagine, essendo la legge uguale per tutti, dovrà essere estesa non solo alle altre Libere Università private, quali ad esempio Luiss, Bocconi, Cattolica,
etc. ma anche a quelle statali, come ad esempio La Sapienza, le quali controllano svariate società
commerciali, operando quindi in maniera pressoché identica alla UniCusano.

Terni, al via il progetto “Art D’Eco” lanciato da Confapi

La sede dell'Università per stranieri di Perugia (foto Roberto Settonce, riproduzione riservata)

Agimus, ripartono i concerti all’Università per stranieri di Perugia