in ,

Terni, il sottosegretario Prisco in visita alla questura

Ricevuto dal questore Failla e dai dirigenti della polizia di Stato

TERNI – E’ arrivato nel primo pomeriggio in via Antiochia, ricevuto dal questore di Terni, Bruno Failla, Emanuele Prisco, sottosegretario di Stato al ministero dell’Interno, per fare visita alla sede della polizia di Stato di Terni.

Nato in Umbria, a Perugia, nel 1977, laureato in Giurisprudenza, avvocato e funzionario dei vigili del fuoco, Prisco ha voluto portare il saluto del Governo alla polizia di Stato ternana, riconoscendo l’alta professionalità e lo spirito di sacrificio del personale che opera ogni giorno, anche in silenzio, per la sicurezza della comunità. Il sottosegretario ha salutato personalmente tutti gli intervenuti all’incontro, ricordando che anche suo nonno che faceva parte della polizia di Stato, ha visitato tutti gli uffici, soffermandosi in particolar modo nella sala operativa, nel poligono di tiro e nel salone d’ingresso agli sportelli dell’ufficio Passaporti e dell’Immigrazione.

Al termine dell’incontro, al quale ha preso parte anche il prefetto di Terni, Giovanni Bruno, il questore ha voluto regalare al sottosegretario una medaglia commemorativa della questura di Terni, raffigurante anche la Cascata delle Marmore e due zainetti con i gadget della polizia di Stato per i suoi due bambini.

«La mafia teme più la scuola che la giustizia»: gli studenti celebrano la Giornata per le vittime innocenti

Il numero legale c’è: il consiglio comunale si apre a voce altissima